Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Un morto e due feriti. E' questo il bilancio dell'agguato che c'è stato a Lamezia Terme, in piazza Porcelli. Ad essere ucciso è Lugi Trovato, di 52 anni, presunto esponente dell'omonimo gruppo criminale considerato vicino ad ambienti della 'Ndrangheta. Trovato, nel momento dell'agguato, era in auto insieme al fratello Luciano, di 37 anni, e ad un amico, Pasquale D'Angela, di 34, rimasti entrambi feriti in modo grave e ricoverati nell'ospedale di Lamezia Terme. 
A quanto è dato sapere non sarebbero in pericolo di vita, ma restano comunque in condizioni gravi. 
E' così che la 'Ndrangheta torna a sparare. Sui fatti indagano i carabinieri del Gruppo di Lamezia Terme, che hanno avviato le indagini insieme ai militari del Comando provinciale di Catanzaro. A quanto pare non si esclude, anche se sul punto non sono emersi al momento elementi univoci, che le due persone che hanno messo in atto l'agguato indossassero dei passamontagna per evitare di essere identificati con l'ausilio delle numerose telecamere del sistema di videosorveglianza che sono collocate nella zona in cui è avvenuto l'omicidio. 
Sia le telecamere che le testimonianze fin qui raccolte non darebbero particolari indicazioni sui killer. 
L'ultimo omicidio a Lamezia Terme, prima di quello di stasera, era stato quello dell'avvocato Francesco Pagliuso, di 43 anni, ucciso il 9 agosto del 2016.

Foto: it.depositphotos.com

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy