Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La pervasività delle mafie nell’economia, la loro capacità di riciclare denaro e mantenere i contatti con esponenti del mondo della politica e dell’imprenditoria. Sono solo alcuni dei temi trattati dal professore Antonino Nicaso docente di storia sociale della criminalità organizzata alla Queen's University di Kingston in Canada durante una lezione al Master in Intelligence dell'Università della Calabria, diretto da Mario Caligiuri.
Secondo la ricostruzione di Nicaso, il boss di Cosa Nostra statunitense Lucky Luciano avrebbe affermato che non esiste il denaro pulito e il denaro sporco ma soltanto il denaro. Sarebbe questo uno dei principi cardine del sistema mafioso nazionale e internazionale che ormai è in grado di ricolare enormi quantità di denaro  per poi rinvestirlo nell’economia legale. Tale inserimento di denaro sporco nel sistema provoca inesorabilmente delle crisi. Infatti come recita la "legge di Gresham" la moneta cattiva, quando arriva sul mercato, scaccia via quella buona. Nicaso ha proseguito dicendo che "le mafie, soprattutto in Italia, nella prima metà del XIX secolo sono nate come fenomeni di controllo sociale da parte delle classi dirigenti, e quindi erano utilizzate da professionisti, proprietari terrieri, imprenditori. È per questo motivo che sono state legittimate dal sistema politico, economico e sociale nel quale si sono pesantemente radicate".

Mafia internazionale
"Internazionalizzandosi e diventando transazionali - ha detto Nicaso - (le mafie, ndr) hanno mantenuto” la caratteristica di arrivare ad essere legittimate dal potere politico economico e sociale “poiché non operano all'estero soltanto per riciclare e investire ma soprattutto per controllare il territorio e infiltrarsi nell'economia locale e quindi nella gestione di attività economiche e finanziarie. Allo stesso tempo, tentano di condizionare la pubblica amministrazione, sia a livello burocratico che politico, utilizzando le normative che in tanti altri Stati, come per esempio Germania, Olanda, Belgio, Austria non sono severe ed efficaci nel contrasto della criminalità mafiosa come in Italia".
Le mafie si sono anche spinte verso l’Est ha spiegato Nicaso “e questo perché l'Unione Europea, finanziando lo sviluppo di tali Paesi, ha generato ingenti flussi di denaro che le mafie hanno puntualmente cercato di intercettare. Inoltre, nell'altro lato dell'Atlantico, ci sono Stati, come Delaware, Nevada, Wyoming che sono fortemente attrattivi per capitali e investimenti, tassazioni societarie con maglie normative molto larghe che consentono alle mafie di infiltrarsi pesantemente, nonostante le attività di contrasto del governo locale". Per Nicaso "bisogna storicamente interpretare le mafie come fenomeni riconducibili non alle classi marginali ed emarginate, bensì alle classi dirigenti. Infatti, le loro caratteristiche più importanti sono sempre state la capacità di adattamento e di relazione. Capacità di adattamento ai nuovi scenari politici, economici e sociali: si veda, per esempio, a livello storico il mito del fascismo che sosteneva di avere sconfitto la mafia. In realtà la mafia siciliana, derubricata dal fascismo per motivi di propaganda a livello di semplice banditismo, ha avuto la capacità di adattarsi e di farsi legittimare anche dallo stesso regime. Capacità di relazione per usufruire di condotte agevolatrici, di concorso esterno, di contatti con la politica, con il mondo dell'economia e della finanza, con le classi dirigenti infiltrandosi nelle istituzioni dello Stato. Le mafie hanno infatti sempre avuto la capacità di essere parte integrante del sistema sociale, politico ed economico e rappresentano un potere che ha sempre potuto contare su legittimazioni, complicità e connivenze in alto e di consenso popolare in basso".

Il lato imprenditoriale della mafia
Altra caratteristica significativa per Nicaso è rappresentata dalla managerialità delle mafie e dalla loro capacità di modernizzarsi.
Infatti le organizzazioni criminali sono unitarie, come lo sono 'Ndrangheta e Cosa Nostra, le quali riescono a radicarsi nel territorio, facendo sistema e utilizzando le professionalità della cosiddetta ‘area grigia’, una sorta di spazio in cui convergono opachi interessi e in cui ci sono imprenditori, mafiosi, politici e altri tipi di soggetti. "Oggi la mafia - ha detto Nicaso - comincia a esplorare le opportunità offerte anche dal cyberspazio, utilizzando hacker, ingegneri informatici e programmatori per sviluppare alcuni propri traffici illeciti. Inoltre, nuovi campi di interesse criminale mafioso sono diventati il gioco d'azzardo online e le truffe informatiche. Non c'è invece ancora nessun riscontro giudiziario della presenza strutturale delle mafie italiane nel settore delle criptovalute, esistendo soltanto qualche intercettazione investigativa e poco altro". "Esistono, invece, riscontri giudiziari - ha evidenziato - sul fatto che le mafie si siano dotate di strumenti di cybercomunicazione crittografata sicura. Utilizzare tali strumenti tecnologici non costituisce di per sé un reato poiché vengono utilizzati anche dalle aziende per proteggere i loro segreti industriali. I reati si verificano quando tali tecnologie informatiche si utilizzano per commettere crimini". A riguardo, ha illustrato l'esempio dell'FBI che ha utilizzato una applicazione (ANOM) servendosi di agenti sotto copertura, per carpire preziose informazioni legate al mondo del narcotraffico e di altre attività illecite. "La criminalità mafiosa - ha concluso il professore - sta diventando sempre più intelligente anche nel campo della geolocalizzazione. Infatti, i mafiosi non hanno soltanto la capacità di saper leggere e sfruttare a loro esclusivo vantaggio il territorio, ma fanno anche attività illecita di intelligence. Si infiltrano per esempio all'interno degli organi dello Stato - grazie a infedeli servitori dello Stato - per sapere se ci sono indagini in corso contro di loro, oppure riescono a modificare le rotte del narcotraffico in base alle informazioni che hanno a loro disposizione. Sono però ancora pochissimi coloro che si occupano di studiare la capacità di intelligence delle mafie nazionali, internazionali e transnazionali".

Fonte: Italipress

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Mafia? Per il governo non esiste. Gratteri: ''Priorità scomparsa dall’agenda politica''

'Ndrangheta: una mafia sottovalutata. Gratteri: ''Dagli anni '70 parla col potere''

Il Complice e Colpevole Nord ha accolto i mafiosi a braccia aperte

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy