Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Da latitante ha favorito il rapido svolgimento del processo rinunciando a chiamare testimoni o a far valere qualsiasi tipo di impedimento: una "condotta inconsueta", come è stata definita negli stessi ambienti del Palazzo di Giustizia di Torino, che è valsa a un 32enne imputato di narcotraffico e associazione mafiosa le attenuanti generiche e quindi uno sconto sulla pena, che è stata calcolata in 17 anni di carcere. La sentenza è di questa mattina. Il caso giudiziario riguarda Vincenzo Pasquino, torinese, legato a una propaggine della 'Ndrangheta nel nord-ovest, che è stato arrestato in Brasile lo scorso maggio, ed è ancora in attesa di estradizione, insieme a un altro ricercato, il boss Rocco Morabito, figura considerata di spicco della criminalità organizzata. 
Pasquino, essendo formalmente un latitante, non ha potuto essere giudicato con il rito abbreviato. 
Ma nel processo, celebrato con il rito ordinario, non si è opposto all'acquisizione di tutti gli atti dell'indagine e, anzi, ha rinunciato a proporre testimonianze, perizie e altro. Dopo l'arresto aveva scritto una lettera in cui ammetteva di aver "venduto molto fumo". Pasquino non risulta né pentito né collaboratore di giustizia.

Foto: it.depositphotos.com

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy