Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il Pm in aula: ''Tutto ruota intorno ai De Stefano''

Sono 800 gli anni chiesti dal procuratore Calabria Giovanni Bombardieri al termine della requisitoria del processo "Epicentro" che vede alla sbarra 59 imputati che hanno scelto il rito abbreviato. Tra questi vi sono boss e gregari delle principali famiglie mafiose della città, dai De Stefano-Tegano-Molinetti ai Libri passando per i Condello, Barreca, Rugolino, Ficara, Latella e Zito-Bertuca. Dopo la ricostruzione dell'impianto accusatorio da parte dei pm Stefano Musolino, Walter Ignazitto e Giovanni Calamita, il procuratore capo ha chiesto 20 anni di carcere per 15 imputati. Si tratta dei boss Carmine De Stefano, Giorgio De Stefano detto "Malefix", Luigi Molinetti detto "Gino", Antonio Libri, Edoardo Mangiola, Carmine Polimeni, Donatello Canzonieri, Domenico Tegano, Filippo Barreca, Domenico Calabrò, Marcello Bellini, Demetrio Condello, Antonino Monorchio, Giovanbattista Fracapane e Giandomenico Condello. Per tutti gli altri imputati è stata chiesta una condanna che va dai 2 anni e 6 mesi ai 18 anni di reclusione. Stando alla ricostruzione dei magistrati a Reggio Calabria c’è "la definitiva ed unitaria sinergia tra le famiglie mafiose a prescindere dalle contrapposizioni e dalle divisioni del passato". "Tutto ruota intorno ai De Stefano - ha spiegato in aula il pm Ignazitto nelle precedenti udienze - e ad Archi, che è il punto in cui comincia e finisce la ‘Ndrangheta di Reggio e forse di tutta la provincia. La cosca De Stefano e la più potente e la più autorevole, è quella di fronte alla quale tutti alla fine fanno un passo indietro". "Non è possibile - hanno detto i pm - che da 20 anni questa città debba vivere sotto la pressione sempre delle stesse persone. Noi vogliamo una città in cui se arriva a Carmine De Stefano, la gente possa dire 'e chi se ne frega'".
Il maxi-processo "Epicentro" è nato da 3 inchieste, "Malefix", "Metameria" e "Nuovo corso" e, secondo la Dda, con questo procedimento di può considerare conclusa questa trilogia di indagini iniziata con l’inchiesta “Olimpia”, svolta negli anni 90’, e proseguita con il processo "Meta”.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

'Ndrangheta, procedimento ''Epicentro'': indagini chiuse per 75 soggetti

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy