Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Esce dal carcere dopo 28 mesi l'ex consigliere regionale Alessandro Nicolò, arrestato per associazione mafiosa nel luglio 2019 nell'ambito dell'operazione "Libro Nero" coordinata dalla Dda di Reggio Calabria la quale lo ha ritenuto il “referente politico della cosca Libri, annoverata tra le cosche storicamente imperanti sul territorio di Reggio Calabria". Il Tribunale, presieduto dal giudice Silvia Capone, ha disposto nei suoi confronti l'obbligo di dimora nel Comune reggino con prescrizione di non allontanarsi dalla propria abitazione dalle 20 alle 8. Una decisione che tiene conto - come si legge nel provvedimento - "delle esigenze terapeutiche e delle residue esigenze cautelari". Infatti a causa di alcuni problemi di salute, l'ex consigliere regionale di Fratelli d'Italia è stato sottoposto in questi mesi ad alcune perizie mediche dalle quali è stata "esclusa la assoluta incompatibilità con il regime carcerario". Allo stesso tempo però i consulenti del Tribunale sono convergenti "in ordine alla esistenza di una grave condizione patologica del detenuto". "Deve trovare pertanto applicazione - scrive il Tribunale nell'ordinanza di revoca della misura cautelare in carcere - il principio consolidato derivante dalla necessità che la pena non si risolva in un trattamento inumano o degradante".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

'Ndrangheta, inchiesta 'Libro Nero': 6 condanne e 2 assoluzioni

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy