Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Nei confronti di un imprenditore originario di Cittanova (RC) la Direzione investigativa antimafia, su richiesta del Tribunale di Reggio Calabria, ha eseguito un decreto di sequestro di beni comprendente 4 società, operanti nel settore edile ed immobiliare, 21 fabbricati e 13 terreni, a Genova e provincia, Cittanova (RC), Bardi (PR) e Bardineto (SV), conti correnti e posizioni finanziarie per un valore stimato complessivo di circa 2 milioni di euro.
L'uomo, nel luglio del 2016, era già stato arrestato nell'ambito dell'operazione antimafia denominata "Alchemia", in esito alle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria e dalla Direzione Distrettuale Antimafia, in quanto gravemente indiziato del reato di associazione di tipo mafioso, quale partecipe della cosca Raso - Gullace - Albanese. Nonostante il Tribunale di Palmi (RC), il 18 luglio del 2020 aveva poi assolto l'uomo dall'imputazione a lui ascritta per non aver commesso il fatto, il Tribunale di Reggio Calabria, su proposta della Procura reggina, a seguito di approfondite indagini patrimoniali della Dia, ha comunque emesso il provvedimento di sequestro ritenendo il soggetto, si legge in una nota, "comunque caratterizzato da una pericolosità sociale qualificata in quanto indiziato di appartenere all'associazione mafiosa Raso-Gullace-Albanese di Cittanova, ed in particolare all'articolazione operante in territorio ligure, ove da tempo la cosca risulta radicata, da dove mantiene uno stretto collegamento con la sede di origine". 

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy