Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La Dda di Catanzaro ha chiesto due condanne all'ergastolo per l'autobomba fatta esplodere il 9 aprile del 2018 a Limbadi, in provincia di Vibo Valentia, e costata la vita al biologo 42enne Matteo Vinci, oltre al grave ferimento del padre Francesco Vinci. Gli ergastoli sono stati chiesti dal pm Andrea Mancuso nei confronti di Vito Barbara e Rosaria Mancuso, ritenuti gli ideatori e gli organizzatori dell'agguato con l'autobomba. Per Domenico Di Grillo, marito di Rosaria Mancuso, è stata chiesta la condanna a 20 anni di reclusione (accusato di un tentato omicidio ai danni di Francesco Vinci nel 2017), mentre per la figlia Lucia Di Grillo sono stati chiesti 12 anni di reclusione per i reati di estorsione e lesioni aggravate. L'autobomba, secondo l'accusa, sarebbe stata collocata come punizione nei confronti dei coniugi Francesco Vinci e Sara Scarpulla (parti civili nel processo) che per anni hanno resistito ai soprusi dei Di Grillo-Mancuso i quali avevano intenzione di impossessarsi con la forza dei loro terreni. Rosaria Mancuso è la sorella dei boss Giuseppe Mancuso, Francesco Mancuso e Pantaleone Mancuso, attualmente detenuti per altri reati.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy