Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Le indagini preliminari dell'inchiesta "Inter Nos", coordinata dalla Dda di Reggio Calabria, sulle infiltrazioni della ‘Ndrangheta negli appalti dell'Azienda sanitaria provinciale reggina sono giunte al termine. Nell'ambito dell'operazione scattarono inoltre diversi sequestri a imprese per un valore complessivo di 12 milioni di euro e 17 misure cautelari. Tra i soggetti raggiunti dalle misure cautelari figuravano anche alcuni funzionari dell'ufficio gare e appalti dell'azienda sanitaria provinciale e due ex commissari dell'ente sanitario.
Il procuratore Giovanni Bombardieri, l'aggiunto Gerardo Dominijanni (oggi Procuratore generale) e i pm Walter Ignazitto, Giulia Scavello e Marika Mastrapasqua hanno notificato il relativo avviso ai 26 indagati tra cui figura l'ex consigliere regionale Nicola Paris, eletto nel 2020 con la lista dell'Udc e arrestato nell'agosto scorso con l'accusa di corruzione. Paris, secondo quanto è scritto nel provvedimento restrittivo, avrebbe tentato di intervenire con il presidente facente funzioni della Regione, Antonino Spirlì, al fine di sollecitare il rinnovo contrattuale per Giuseppe Corea, direttore del settore Gestione risorse economico-finanziarie dell'Azienda sanitaria. Le attività di indagine si sono concluse anche per lo stesso Corea, ritenuto dagli inquirenti la persona grazie alla quale le imprese vicine ai clan Serraino, Iamonte ed a quelli della Locride ottenevano gli appalti.
Tra i 26 indiziati ci sono l'ex direttore generale dell'Asp Rosanna Squillacioti, l'ex commissario Francesco Sarica e la dirigente dell'ufficio Programmazione e Bilancio dell'Azienda Angela Minniti, accusati di turbativa d'asta. L'ex primario del pronto soccorso dell'ospedale di Locri, Domenico Salvatore Forte, è indagato per traffico di influenze assieme al collaboratore amministrativo dell'Asp Francesco Macheda. Secondo i pm, Macheda aveva chiesto l'intervento di Forte allo scopo di ottenere il trasferimento della propria compagna, che è un'infermiera, dall'ospedale di Locri al poliambulatorio di Saline di Montebello Ionico. In cambio Forte avrebbe ottenuto la promessa da parte di Macheda di intercedere con la figlia, sindaco di Montebello, affinchè disponesse l'apertura del dispensario farmaceutico, per il quale il figlio di Forte aveva ottenuto l'autorizzazione solo per i mesi estivi, anche per il periodo invernale. Altri indagati sono stati accusati di far parte di "un'associazione per delinquere - è detto nel capo d'imputazione - finalizzata alla commissione indeterminata di delitti di corruzione, turbata libertà degli incanti, astensione dagli incanti e, più in generale, di delitti contro la pubblica amministrazione".

Foto © Paolo Bassani

ARTICOLI CORRELATI

Inter nos: così la 'Ndrangheta mette le mani sulla sanità calabrese

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy