Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La polizia ha arrestato nel quartiere Janò di Catanzaro Agostino Papaianni, 69 anni, ricercato dal dicembre 2019 in quanto destinatario dell'ordinanza di custodia cautelare emessa nell'ambito dell'operazione Rinascita-Scott condotta dalla Dda di Catanzaro diretta da Nicola Gratteri. Papaianni, originario di Coccorino di Joppolo (Vv), uomo di fiducia di Luigi Mancuso e già coinvolto nell'inchiesta "Black Money", è accusato di associazione mafiosa con l'aggravante di essere il promotore della 'ndrina che controlla l'area di Capo Vaticano, Coccorino, Joppolo fino a Tropea, dove imponeva ai diversi villaggi turistici della zona rifornimenti di generi alimentari, guardianie e assunzione di personale. Papaianni è stato catturato dal personale della Squadra Mobile di Catanzaro a seguito di alcune acquisizioni investigative dalle quali era emersa la presenza di un soggetto ricercato all'interno di un appartamento annesso ad una B&B nel quartiere Janò, dove giornalmente giungevano persone che consegnavano buste della spesa. Al momento dell'arresto Papaianni era da solo e non ha opposto resistenza, ammettendo la sua reale identità.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy