Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Medici chiamati in causa. E’ avvenuto ieri durante la deposizione del collaboratore di giustizia Andrea Mantella al processo Rinascita-Scott.
Il collaboratore di giustizia, rispondendo alle domande del pm della Dda di Catanzaro Annamaria Frustaci, ha detto che, una volta ottenuto un permesso premio per uscire dal carcere, grazie alla complicità di alcuni medici dell'ospedale di Vibo Valentia avrebbe ottenuto appoggio per non ritornare in carcere attraverso delle false certificazioni mediche.
"Passavo da reparto a reparto nell'ospedale di Vibo e - ha detto Mantella - facevo quello che volevo. I medici sapevano benissimo chi fossi e che stavo scontando una condanna per omicidio". Il collaboratore ha anche chiamato in causa alcuni medici dell'ospedale di Tropea che l'avrebbero aiutato con false certificazioni mediche. Uno dei "camici bianchi", a detta del collaboratore, era parente dei Piromalli di Gioia Tauro.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Rinascita-Scott, il pentito Mancuso racconta il pranzo con l'ambasciatore del Congo

Rinascita-Scott: ulteriori rivelazioni di Emanuele Mancuso

Rinascita-Scott, Emanuele Mancuso: ''Alcuni avvocati erano fissi a casa mia''

Rinascita-Scott, Emanuele Mancuso racconta la forza del clan

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy