Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

C'è un nuovo collaboratore di giustizia nel cosentino. Si tratta di Nicola Acri, 42 anni, detto "Occhi di ghiaccio", capo della mala rossanese, considerato tra i più sanguinari killer calabresi e già schedato come uno dei 100 latitanti più pericolosi. Una carriera criminale iniziata quando aveva appena 21 anni ed era considerato a capo della cosca di Rossano. Per tre anni, prima di essere catturato nel 2010 a Bologna, è stato latitante. Dopo dieci anni di carcere duro ha deciso di collaborare e di parlare con la Dda di Catanzaro, guidata da Nicola Gratteri. Una collaborazione recentissima nel corso della quale Acri ha reso dichiarazioni su gravi fatti di sangue che lo hanno visto protagonista. "Occhi di ghiaccio" è stato condannato per diversi reati, dall'associazione mafiosa all'omicidio. Oggi si è svolta in corte d'Assise d'Appello l'udienza del processo sul duplice omicidio di Giuseppe Cristaldi e Biagio Nucerito, assassinati il giorno dell'Epifania del 1999. Il sostituto procuratore generale Luigi Maffia ha chiesto di mettere agli atti i verbali del collaboratore e di sentire lo stesso nel corso del processo. Si è opposta la difesa che ha chiesto la ricusazione del collegio il quale a sua volta si è riservato di decidere rinviando l'udienza a settembre.

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy