Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Giuseppe Scopelliti? I clan avevano fatto fronte comune per farlo eleggere". Sono queste le pesantissime accuse del collaboratore di giustizia Andrea Mantella nei confronti del politico che fu poi eletto Presidente della Regione Calabria. Le dichiarazioni di Mantella hanno risuonato all'interno dell'aula in cui si tiene il maxi processo Rinascita Scott. Rispondendo alle domande del sostituto procuratore della Dda Andrea Mancuso, Mantella ha ripercorso le trattative che si sarebbero sviluppate anche nella sua zona di competenza per portare voti all'allora candidato governatore del centro destra. Un "patto" che sarebbe stato stretto col factotum di Pantaleone Mancuso "Scarpuni", Michele Palumbo, col quale si era dato appuntamento all'interno del Cin Cin bar di Vibo Valentia.
"Mi propose per conto di Peppe Scopelliti di raccogliere un po' di voti perché la 'Ndrangheta aveva fatto fronte comune". Un impegno che sarebbe stato preso dietro pagamento. Dopo avere stretto l'accordo con Palumbo, Mantella si sarebbe rivolto a Domenico Camillò, capocosca dei Pardea-Ranisi, famiglia criminale numerosa, senza contare che Camillò aveva lavorato per tanti anni all'interno dell'ospedale. Il periodo era, ricorda Mantella, fine 2008 inizi del 2009, e Mantella promise a Camillò 50 euro a voto. In quel periodo il pentito ricorda che era degente a Villa Verde e, quando andava in permesso a Vibo Valentia, "svolgevo attività 'ndranghetistica". A Camillò andarono 10/15mila euro "con i quali lui ha pagato i voti". Una somma altrettanto consistente la trattenne lo stesso Mantella. Questi fatti, ha detto il pentito durante l'esame, sarebbero già stati riferiti alla Procura di Reggio Calabria.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Morra: ''Mantella parla di Peppe Scopelliti''


Rinascita-Scott, Mantella in aula: ''Una rete massonica deviata per il clan''

Rinascita-Scott: ulteriori rivelazioni di Emanuele Mancuso

Rinascita-Scott, Emanuele Mancuso: ''Alcuni avvocati erano fissi a casa mia''

Rinascita-Scott, Emanuele Mancuso racconta la forza del clan

Il pentito Emanuele Mancuso: ''Mia figlia in mano alla 'Ndrangheta''

Rinascita-Scott: Carabinieri, politici e preti 'a la mercé' dei Mancuso

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy