Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

I pm si dicevano cauti già nei giorni in cui la notizia stava circolando in tutta Italia. Oggi, però, a distanza di un mese dall’inizio della sua effettiva collaborazione con la giustizia, sul racconto del superboss di ‘Ndrangheta Nicolino Grande Aracri quella cautela sembra aver ragione d'esistere. O almeno è quello che la Dda di Catanzaro ha lasciato intendere con lo stop agli interrogatori all’aspirante collaboratore di giustizia un tempo a capo di una "locale" di ‘Ndrangheta radicata ben oltre il crotonese e che comandava su metà Calabria nonché parte del nord Italia. Le sue prime deposizioni infatti non convincono i magistrati. Dubbi che sono propedeutici al fatto che ancora i suoi verbali non sono stati depositati nei principali processi sulla ‘Ndrangheta in cui è imputato o in quelli in cui il suo dichiarato potrebbe risultare determinante ai fini dell’accertamento della verità. Tra questi è da ricordare il processo per l’omicidio di Rosario Ruggiero, avvenuto nel 1992 a Cutro, o il processo Aemilia, il più grande processo contro la ‘Ndrangheta al nord, in cui il mammasantissima è stato riconosciuto colpevole in primo grado per l’omicidio di Giuseppe Ruggiero e condannato all’ergastolo. In quel troncone del processo Aemilia, Grande Aracri era stato condannato solo per quell’omicidio e gli altri imputati - Angelo Greco, Antonio Ciampà e Antonio Lerose - erano stati assolti. Chissà se il dichiarato di Nicolino Grande Aracri riuscirà ad entrare nel processo (la procura di Bologna ha fatto ricorso contro le assoluzioni dei boss) ora che la sua attendibilità è stata quantomeno messa in discussione. Nel frattempo però il super boss continua a godere dello status di collaboratore di giustizia tant’è che ai suoi familiari è stato proposto protezione dallo Stato che però è stata rifiutata.

Foto tratta da: calabria7.it

Usura: arrestato 49enne ritenuto capo cosca Grande Aracri

Pentimento Grande Aracri, terremoto giudiziario in caso di conferma delle dichiarazioni

'Ndrangheta al Nord. Grande Aracri e le operazioni contro la longa manus di Cutro nel Nord

Ordine di Malta: ''Boss Aracri non fa parte di noi''

Morra: ''Se collaborazione di Grande Aracri è seria rivelazioni potrebbero essere importantissime''

Processo Aemilia, in appello confermate le accuse

'Ndrangheta: così la cosca Grande Aracri puntava al business biomasse

'Ndrangheta: affare da 100 milioni su farmaci e antitumorali

'Ndrangheta: arrestato il presidente del Consiglio regionale della Calabria

Processo Aemilia 1992: ergastolo a Nicolino Grande Aracri

Carceri: negata scarcerazione a Nicolino Grande Aracri, capo clan di 'Ndrangheta

 

 

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy