Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Coinvolti anche ex - politici, funzionari comunali e affiliati del clan Anello di Filadelfia

Continua l’iter giudiziario dell’operazione denominata “Imponimento” scattata il 21 luglio scorso contro le cosche vibonesi operanti nell’area dell’Angitolano e le loro proiezioni in Svizzera.
Il Gup distrettuale Francesco Rinaldi ha accolto la richiesta di rinvio a giudizio presentata dalla Dda di Catanzaro (nelle personalità del pm Chiara Bonfadini, Antonio De Bernardo, Vincenzo Capomolla e del Procuratore Capo Nicola Gratteri) decretando la data dell’udienza preliminare per il 14 aprile 2021 che si terrà nell’aula bunker di Lamezia Terme dove si sta celebrando il maxiprocesso Rinascita-Scott. Tra i reati contestati vi sono anche quelli di associazione mafiosa, intestazione fittizia di beni, traffico di droga e armi, scambio elettorale politico-mafioso.
Fra le personalità coinvolte anche Francesco Stillitani, ex consigliere regionale e fratello di Emanuele Stillitani (imprenditore nel settore turistico). Secondo l’accusa i due indagati “si ponevano quale riferimento per sodalizio” con il clan Anello capeggiato dal boss Rocco Anello.
Oltretutto, l’ex consigliere Francescantonio Tedesco e gli imprenditori Giovanni Anello e Daniele Prestanicola sono stati accusati di aver contribuito a formare la strategia del sodalizio in ambito politico, promuovendo il sostegno della cosca Anello alle elezioni politiche nazionali del 2018 per Mangialavori Giuseppe, poi eletto al Senato della Repubblica tra le fila di Forza Italia.
La richiesta di rinvio a giudizio ha inoltre coinvolto anche l’ex consigliere provinciale di Vibo Valentia, Domenico Fraone, l’ex sindaco di San Gregorio d’Ippona Filippo Ruggiero, il dirigente del Comune di Pizzo (ufficio Urbanistica) Maria Alfonsina Stuppia, il responsabile dell’Ufficio Tecnico del Comune di Polia, Mario Galati, il consigliere comunale di maggioranza di Capistrano, Bruno Cortese, il fratello di un consigliere comunale di Capistrano Salvatore Pilieci, Francesco Cortese, nipote del consigliere Bruno Cortese, l’avvocato ed imprenditore di Vibo Valentia Vincenzo Renda.
Il Procuratore Capo di Catanzaro Nicola Gratteri il 21 luglio scorso, durante la conferenza stampa in occasione dell’inizio dell’operazione “Imponimento” ha detto che “questa organizzazione criminale abbracciava tre territori: Catanzaro, Vibo e le Serre sul lato ionico. Un locale di 'Ndrangheta molto importante, quello degli Anello, perché c’erano molte altre ‘ndrine satelliti. Un lavoro durato 4 anni, possibile non solo grazie alla comprovata professionalità della Guardia di finanza ma anche perché il Gico centrale ha deciso di investire qui in maniera significativa mandando decine e decine di uomini negli ultimi anni” e ancora “questa è stata un’inchiesta di respiro internazionale”. In merito alla collaborazione con gli inquirenti svizzeri, Gratteri ha ribadito l’efficienza "delle squadre investigative comuni che abbiamo costruito e la disponibilità del procuratore federale Sergio Mastroianni, che ha offerto grande supporto, malgrado le difficoltà sul piano normativo, perché purtroppo solo l’Italia ha una legislazione anti-mafia particolarmente evoluta".

Lista dei rinvii a giudizio
Queste le 147 richieste di rinvio a giudizio: Antonio Anania, 39 anni, di Curinga; Bruno Simone Anania, 29 anni, Curinga; Giuseppa Anania, 54 anni, di Curinga; Cristina Anello, 30 anni Filadelfia; Francescantonio Anello, 31 anni, Filadelfia; Giovanni Anello, 31 anni, di Filadelfia; Giuseppe Anello, 36 anni, di Filadelfia; Roberto Anello, 33 anni, di Filadelfia; Rocco Anello, 59 anni, di Filadelfia; Rocco Anello, 29 anni, di Filadelfia; Tommaso Anello, 56 anni, di Filadelfia; Giovanni Angotti, 51 anni, collaboratore di giustizia; Antonio Bruno Arone, 57 anni, di Monterosso Calabro; Antonio Attisani, 25 anni, di Filadelfia; Antonio Attisani, 49 anni di Francavilla Angitola; Luciano Babbino, 41 anni, di Vallefiorita; Vincenzo Barba, 68 anni (detto “Il Musichiere”) di Vibo Valentia; Giuseppe Barbieri, 47 anni, di Sant’Onofrio; Angela Bartucca, 50 anni (moglie di Rocco Anello), di Filadelfia; Nazzareno Bellissimo, 38 anni, di Monterosso Calabro; Luca Belsito, 30 anni, di Pizzo; Giuseppe Bertucci, 45 anni, di Gerocarne; Raffaele Mariano Bertucci, 56 anni, di Spadola; Giovanni Bevilacqua, 58 anni, di Gioia Tauro; Domenico Bonavota, 41 anni, Sant’Onofrio; Domenico Bretti, 50 anni, di Filadelfia; Vito Bretti, 23 anni, di Polia; Domenico Calabria, 51 anni, di Rombiolo; Francesco Caridà, 52 anni, di Pizzo; Antonio Caruso, 43 anni Filadelfia; Giovanni Caruso, 41 anni, di Filadelfia; Mario Caruso, 55 anni, Filadelfia.
Filippo Catania, 59 anni, di Vibo Valentia; Antonio Cerra, 31 anni, di Lamezia Terme; Vito Chiefari, 47 anni, di Torre Ruggiero; Damiano Ciancio, 49 anni, di Dasà; Domenico Ciconte, 52 anni, di Sorianello; Francesco Conidi, 30 anni, di Polia; Salvatore Contartese, 43 anni, di Limbadi; Bruno Cortese, 65 anni, Capistrano; Francesco Cortese, 48 anni, di Monterosso Calabro; Francesco Cosmano, 33 anni, di Filadelfia; Alfredo Cracolici, 34 anni, di Pizzo, ai domiciliari a Maierato; Domenico Cracolici, 38 anni, di Maierato; Francesco Crigna, 50 anni, di Parghelia; Vincenzo Cutrullà, 59 anni, di Pizzo;
 Salvatore Danieli, 36 anni (collaboratore di giustizia); Antonio Dastoli, 46 anni, di Filadelfia; Giuseppe De Luca, 50 anni, di Ionadi; Vincenzo De Nisi, 35 anni, di Curinga; Antonio Defina, 70 anni, di Sant’Onofrio; Giovanni Deodato, 66 anni, di Cenadi; Antonio Dieni, 46 anni, di Catanzaro; Andrea Dominelli, 32 anni, di Chiaravalle Centrale; Gennaro D’Urso, 67 anni, di Sant’Angelo a Fasanella (Sa); Giovanni Fabiano, 52 anni, di Chiaravalle Centrale; Antonio Facciolo, 61 anni, di Vibo Valentia; Giuseppe Fortuna, 43 anni, di Filogaso; Giuseppe Fortuna, 57 anni, di Vibo Valentia; Nazzareno Franzè, 68 anni, di Cessaniti; Domenico Fraone, 49 anni, di Parghelia; Giuseppe Fruci, 51 anni, di Acconia di Curinga; Vincenzino Fruci, 44 anni, di Acconia di Curinga; Angelo Galati, 35 anni, di Filadelfia; Antonio Luciano Galati, 24 anni, Oftringen (Svizzera); Giuseppe Galati, 47 anni, di Filadelfia; Marco Galati, 54 anni, residente in Svizzera; Mario Galati, 61 anni, di Polia; Tommaso Galati, 71 anni, di Filadelfia; Domenico Gallello, 51 anni, di Maida; Giovanni Giardino, 48 anni, di Maida; Salvatore Giorgio, 46 anni, di Chiaravalle Centrale; Gaetano Gori, 35 anni, di Cardinale; Claudio Gregorace, 30 anni, di Filadelfia; Teodoro Grizzaffi, 51 anni, residente in Svizzera; Massimo Gugliotta, 41 anni, di Curinga.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

'Ndrangheta: operazione ''Imponimento'', eseguiti nuovi arresti

'Ndrangheta, operazione Imponimento: si dimette sindaco di Polia

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy