Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Quindici condanne e 8 assoluzioni. Così si è concluso il processo in abbreviato nato dall'operazione antimafia denominata "Rimpiazzo", scattata nell'aprile del 2019 con il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro per un lavoro investigativo svolto sul "campo" dalle Squadre Mobili di Vibo Valentia e Catanzaro e che vedeva contestati agli imputati, a vario titolo, i reati di associazione mafiosa, narcotraffico, estorsione, danneggiamento, intestazione fittizia di beni, detenzione illegale di armi, rapine, tutti aggravati dalle finalità mafiose.
Le condanne ammontano complessivamente a 117 anni ed 8 mesi di reclusione con le pene principali inflitte a Rosario Fiorillo (19 anni e 4 mesi), Nazzareno Fiorillo (11 anni), ritenuti ai vertici del clan dei Piscopisani - con base nella frazione Piscopio di Vibo Valentia - e Sasha Fortuna di Vibo Valentia (condannato a 17 anni e 4 mesi). Assolto il presunto boss di Limbadi Cosmo Michele Mancuso, già detenuto per altre condanne.

In foto: Tribunale di Catanzaro © Imagoeconomica

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy