Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Tommaso Costa, esponente di spicco della ‘Ndrangheta di Siderno, è stato condannato a 30 anni di carcere. A stabilirlo è il gup del Tribunale di Reggio Calabria Velerio Trovato accogliendo la richiesta dei pm Giovanni Calamita e Diego Capece Minutolo al termine del processo sull'omicidio di Vincenzo Figliomeni, detto il "Brigante", ucciso il 10 novembre 1988 con tre colpi di fucile caricato a pallettoni, di cui due andati a segno. Il processo nasce da un'inchiesta della squadra mobile di Reggio Calabria, coordinata dal procuratore Giovanni Bombardieri e dall'aggiunto Giuseppe Lombardo, che a distanza di oltre trent'anni ha fatto luce su un delitto consumato nella faida tra la cosca Costa e i Commisso per il predominio della cittadina della Locride. Stando all'ordinanza di custodia cautelare eseguita nel febbraio 2019, il movente era da rintracciarsi "nella doppia causale della vendetta personale e 'familiare' maturata da Costa Tommaso nei confronti dei soggetti responsabili degli omicidi che hanno colpito i membri della famiglia Costa". E' stato condannato per associazione mafiosa a 6 anni di carcere anche il collaboratore di giustizia Giuseppe Costa, fratello del boss. Oltre a quelle del collaboratore Crocifisso Casalini, autista dei Costa durante la guerra di mafia a Siderno, sono state le dichiarazioni del pentito Giuseppe Costa a consentire alla Dda di dimostrare la responsabilità di suo fratello Tommaso Costa. "Mio fratello diceva espressamente - aveva fatto mettere a verbale il collaboratore di giustizia - che voleva vendicare mio fratello Luciano uccidendo il Figliomeni Vincenzo, io invece ero d'accordo per la vendetta, ma volevo indirizzarla verso coloro che per me erano i veri colpevoli. Sta di fatto che, a mia insaputa, mio fratello Tommaso… andò a fare questo omicidio che poi spostò gli equilibri della guerra in favore dei Commisso, perché il gruppo Rumbo-Figliomeni-Galea che stava per passare con noi, dopo questo omicidio si schierò decisamente e definitivamente con i Commisso".

Foto © Imagoeconomica

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy