Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

L'imprenditore Antonio Gallo, al centro dell'operazione "Basso profilo" portata a termine dalla Dda di Catanzaro, si è avvalso della facoltà di non rispondere davanti al giudice che lo ha interrogato dopo il provvedimento di custodia cautelare in carcere. Gallo, difeso dall'avvocato Pietro Mancuso, è ritenuto il "braccio imprenditoriale" delle cosche e sarebbe stato molto legato all'assessore regionale Francesco Talarico, finito agli arresti domiciliari. Anche un altro imprenditore, Umberto Gigliotta, ritenuto legato ai clan del Crotonese, difeso dall'avvocato Maurizio Belmonte, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Per quanto riguarda il segretario nazionale dimissionario dell'Udc, Lorenzo Cesa, indagato nell'ambito del procedimento, ha chiesto di essere sentito dalla procura guidata da Nicola Gratteri per fornire la propria versione dei fatti.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Inchiesta di Gratteri: indagato Cesa. Governo in bilico

Gratteri: '''Ndrangheta e massoneria deviata controllano interi settori della sanità calabrese''

Operazione ''Basso Profilo'': maxi operazione della Dia, indagato Lorenzo Cesa

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy