Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Dopo circa 2 ore di requisitoria, il sostituto procuratore della Dda di Catanzaro Debora Rizzo ha chiesto 25 condanne e 2 assoluzioni per gli imputati del processo in abbreviato scaturito dall'inchiesta Prisoner's Tax, eseguita dal comando provinciale dei carabinieri di Catanzaro e dalla Compagnia di Soverato, sotto il coordinamento della Dda di Catanzaro.
L'indagine aveva svelato il traffico di cocaina e marijuana e nel luglio 2019 la Procura guidata da Nicola Gratteri aveva chiesto ed ottenuto l'emissione di 25 misure cautelari.
A vario titolo gli arrestati erano accusati di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti aggravata dalla composizione maggiore a 10 associati e altri soggetti che hanno fatto uso di sostanze stupefacenti, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione.
Non fu però riconosciuta l'aggravante dell'articolo 7, cioè aver supportato l'attività della cosca Procopio-Mongiardo.
Secondo l'accusa il gruppo sarebbe stato guidato da un triumvirato, composto da padre e figlio (Domenico e Carmine Procopio) e Giuseppe Corapi. Loro avrebbero avuto il compito di mantenere i rapporti con la cosca Gallace per l'approvvigionamento di marijuana e con elementi della potente famiglia di 'Ndrangheta Nirta-Strangio di San Luca.
I loro spacciatori, secondo gli inquirenti, avrebbero controllato le piazze di spaccio di San Sostene, Davoli e Montepaone. Le sostanze sono state vendute a molti giovani che hanno frequentato i locali costieri, oltre a qualche "insospettabile".
In dettaglio il sostituto procuratore della Dda di Catanzaro ha chiesto di condannare Antonio Arena a 14 anni, Matteo Arena a 12 anni, Alessandro Aversa a 14 anni e 3 mila euro di multa, Ernesto Bertucci a 12 anni, Raffaele Campagna a 2 anni, Giuseppe Codispoti a 12 anni, Giuseppe Corapi a 20 anni e 3 mila euro di multa, Edoardo Curcio a 1 anno e 800 euro di multa, Nicol Durante a 1 anno e 6 mesi con 1800 euro di multa, Francesco Grande a 1 anno e 800 euro di multa, Giovanni Gregoraci a 7 anni, Roberto Ieraci a 8 anni e 9 mesi, Salvatore Lioi a 8 anni, Giovanni Longo a 6 anni, Andrea Mascaro a 1 anno e 4 mesi, con 1000 euro di multa, Valentina Mongiardo a 8 anni, Vincenzo Pacicca a 7 anni, Giuseppe Paparo a 6 anni, Carmine Procopio a 20 anni, Domenico Procopio a 20 anni, Maria Caterina Procopio a 8 anni, Sergio Scicchitano a 16 anni, Domenico Spadea a 18 anni, Saverio Spadea a 7 anni e 6 mesi, Carmela Vono a 7 anni e sei mesi. La richiesta di assoluzione è stata avanzata per Vincenzo Vasile e Marco Verdiglione.
Il prossimo 9 dicembre è attesa l'udienza per la discussione dei legali difensori per Salvatore Staiano, Vincenzo Cicino, Gioconda Soluri, Vincenzo Maiolo Staiano, Serena Riccio, Vittorio Ranieri, Cristiano Nuzzi, Francesco Maida, Anna Rosso, Giuseppe Salvatore Riitano, Giovanni Canino, Pietro Matacera, Maria Concetta Cristofaro, Sergio Callipari, Luana Lacava, Vitaliano Leone, Salvatore Vono, Diego Brancia, Gianni Russano, Ettore Giovanni Fioresta.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy