Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

I Carabinieri della Compagnia di Palmi hanno dato esecuzione ad una misura di prevenzione patrimoniale emessa dal Tribunale di Reggio Calabria nei confronti di Carmelo Catalano 51 anni di Cosoleto, detto "U cortu", già condannato in via definita lo scorso febbraio per associazione mafiosa in relazione a reati commessi tra il 2008 e il 2011 nella Provincia di Reggio Calabria emersi nell'ambito dell'operazione "Rifiuti spa 2", condotta dal Ros dei Carabinieri su coordinamento della Dda reggina in merito all'infiltrazione illecita di elementi appartenenti a cosche di 'Ndrangheta del mandamento tirrenico nel tessuto economico ed imprenditoriale della provincia reggina. Sulla base delle evidenze investigative emerse nella citata inchiesta, in cui Catalano figura come uomo di fiducia degli Alvaro per la gestione degli interessi economici della cosca, i Carabinieri della Compagnia di Palmi hanno ricostruito il patrimonio illecitamente accumulato dallo stesso, costituito da una ditta individuale, quote di società agricole, due abitazioni site a Cosoleto, 12 terreni siti a Cosoleto, Gioia Tauro e Rizziconi e contributi comunitari per l'agricoltura, per un valore complessivo stimato in 350.000 euro che, al termine dell'iter giudiziario, è stato sottoposto a confisca a seguito di decreto emesso dal Tribunale di Reggio Calabria.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy