Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

I verbali di Maurizio Pasquale De Carlo depositati stamattina al processo "Gotha"

"In seno alla famiglia De Stefano, i soggetti che tenevano i rapporti con la politica erano l'avvocato Giorgio De Stefano e Franco Chirico. Noi giovani della cosca venivamo il più delle volte tenuti all'oscuro dei rapporti con i politici, in quanto si trattava di questioni compromettenti". A dirlo, davanti al sostituto procuratore della Dda di Reggio Calabria Walter Ignazitto, è Maurizio Pasquale De Carlo, l’ex boss arrestato nell’ambito dell’inchiesta antimafia “Malefix”. De Carlo ha iniziato da poco il suo percorso di collaborazione con la giustizia, una scelta, la sua, che potrebbe far tremare il potentissimo clan reggino del quartiere Archi. Le sue dichiarazioni, rese il 21 settembre scorso, saranno depositate stamattina nel processo "Gotha" che si sta celebrando con il rito abbreviato davanti alla Corte d'Appello di Reggio Calabria dove sono imputati l'avvocato Giorgio De Stefano, condannato in primo grado a 20 anni di carcere, e il nipote Dimitri De Stefano, condannato a 13 anni e 4 mesi, figlio del boss don Paolino e fratello del capocosca Giuseppe. De Carlo ha raccontato ai pm i suoi rapporti con De Stefano, e di quando lo accompagnava a casa dello zio. "I rapporti tra l'avvocato e la famiglia De Stefano - ha riferito - erano molto buoni. Anche se il primo era molto riservato. Né Dimitri, né Giovanni mi parlavano mai dell'avvocato De Stefano. Erano discorsi che non si potevano affrontare". Il nuovo collaboratore di giustizia ha confermato anche quanto emerso dall'inchiesta "Gotha" condotta dai carabinieri del Ros. "Dimitri De Stefano - ha riferito a verbale - era meno operativo dei fratelli, ma portava qualche ambasciata agli affiliati. Ricordo pure che incontrava il fratello Carmine durante la latitanza. Lo accompagnai io stesso un paio di volte".

Foto © Imagoeconomica

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy