Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Si è costituito Antonio Mammoliti, ricercato dallo scorso luglio perché destinatario di una misura di custodia cautelare in carcere nell'ambito dell'"operazione Koleos", coordinata dalla Dda di Reggio Calabria ed eseguita dalla Polizia di Stato, che ha svelato un importante traffico di cocaina grazie al quale la sostanza stupefacente dalla Locride veniva esportata fino in Puglia e in Sicilia. A Mammoliti, che si è costituito ieri spontaneamente nel carcere di Reggio Calabria, dove si è presentato insieme al suo avvocato di fiducia, la Dda contesta di essere il perno di un'organizzazione che gestiva il traffico di droga nella locride. Fratello di Domenico e di Francesco, già raggiunti da misure cautelari, l'uomo è ritenuto promotore ed organizzatore dell'organizzazione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. Le risultanze investigative dell'inchiesta della Dda reggina guidata dal procuratore Giovanni Bombardieri e coordinata dall'aggiunto Giuseppe Lombardo e dai sostituti Diego Capece Minutolo e Alessandro Moffa, avevano consentito di registrare nel periodo compreso fra il mese di ottobre dell'anno 2015 e quello di febbraio dell'anno 2016 la movimentazione di quasi 160 kg di cocaina per un valore all'ingrosso di circa 7 milioni di euro.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Operazione ''Koleos'': blitz della Polizia contro le potenti cosche della cocaina del reggino

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy