Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Indagato nell’inchiesta “Libro Nero” anche l’ex assessore regionale Naccari Carlizzi

Nei giorni scorsi la seconda sezione della Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso, con spese processuali a carico del ricorrente, dell’ex consigliere regionale Alessandro Nicolò, arrestato a luglio nell’ambito dell’inchiesta “Libro Nero” assieme ad altre diciassette persone indagate di appartenenza alla cosca Libri.
Nicolò, in un primo momento eletto con Forza Italia e poi passato tra le fila di Fratelli d'Italia (una volta arrestato sospeso dal partito della Meloni, ndr), è accusato di associazione mafiosa e di avere favorito, in cambio di appoggi elettorali, gli obiettivi della cosca di ‘ndrangheta. Al comando della cosca, secondo gli inquirenti, vi è Filippo Chirico, genero del defunto boss Pasquale Libri, già condannato a venti anni di reclusione nel processo scaturito dall’inchiesta “Theorema-Roccaforte”. L’inchiesta “Libro Nero”, che ha visto l'esecuzione del blitz lo sorso 31 luglio, è stata condotta dalla squadra mobile della polizia di Stato diretta da Francesco Rattà e coordinata dal Procuratore della Dda Giovanni Bombardieri e dai sostituti Walter Ignazitto e Stefano Musolino.
Secondo l'accusa la cosca Libri, oltre ad essere perfettamente in grado di interferire nelle dinamiche economico-imprenditoriali locali, sarebbe stata allo stesso tempo capace di infiltrarsi in quelle politico-elettorali del territorio cittadino, gestendo un consistente bacino di voti in un vero e proprio rapporto "do ut des".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

'Ndrangheta, colpo alla cosca Libri: 17 arresti tra cui anche politici e imprenditori

'Ndrangheta: Nicolo' risponde a gip, collaboratore mente

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy