Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila - Video
Arrestato a Bruzzano Zeffirio, in provincia di Reggio Calabria, il latitante Cesare Antonio Cordì, 42enne esponente di spicco della ‘Ndrangheta di Locri, in una operazione messa a segno dai carabinieri delle Compagnie di Bianco e Locri, assieme allo squadrone eliportato "Cacciatori d'Aspromonte". L'uomo si nascondeva nel centro del reggino ed è stato individuato grazie alla violazione delle norme emergenziali in atto per il contenimento del contagio da Coronavirus. Un'azione fulminea, quella dei militari che non hanno concesso la minima possibilità alla fuga già orchestrata da un ingresso secondario al figlio di Antonio ''u ragiuneri'', il quale si era reso irreperibile in occasione dell'esecuzione dell'operazione ''Riscatto'' della compagnia di Locri. Una manovra investigativa che, nell'agosto del 2019, aveva consentito ai carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria, sotto il coordinamento della procura della Repubblica di Reggio Calabria, diretta da Giovanni Bombardieri, di assestare un durissimo colpo alla storica cosca locrese dei 'Cordì', ai cui partecipi furono contestati, a vario titolo, i reati di associazione di tipo mafioso, estorsione, danneggiamento seguito da incendio, illecita concorrenza con minaccia o violenza, trasferimento fraudolento di valori, detenzione e porto in luogo pubblico di armi, con l'aggravante di aver agito per favorire gli interessi della ‘Ndrangheta. In particolare, a conclusione delle indagini coordinate dal procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo e dai sostituti procuratori Giovanni Calamita e Diego Capece Minutolo, a carico di Cesare Antonio Cordì è stato emesso un provvedimento di custodia carceraria poiché indagato per trasferimento fraudolento di valori, aggravato perché commesso al fine di agevolare l'associazione mafiosa, in quanto, al fine di eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione patrimoniali, attribuiva fittiziamente alla moglie Teresa Giorgi la titolarità formale dell'esercizio commerciale ''Dolcemente di Giorgi Teresa'' ad Ardore. Sono in corso le indagini per ricostruire la rete di persone che ha favorito la latitanza del 42enne esponente di spicco della 'ndrangheta di Locri.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy