Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Nel settore delle scommesse era in rapporto con le cosche di vertice della ‘Ndrangheta reggina De Stefano-Tegano, Pesce-Bellocco e Piromalli

Sono stati sequestrati ben 400 milioni di euro di beni ad Antonio Ricci, 43 anni, imprenditore attivo nel settore del gambling. Il sequestro è stato effettuato dai finanzieri del Comando provinciale di Reggio Calabria insieme a personale dello Scico di Roma, con il coordinamento Dda diretta da Giovanni Bombardieri. La misura, emessa dalla Sezione misure di prevenzione del Tribunale su richiesta del procuratore aggiunto Calogero Gaetano Paci e del pm Stefano Musolino, riguarda compendi societari e rapporti finanziari. L’uomo è coinvolto nell'operazione "Galassia" che nel 2018 portò a 18 arresti per una pluralità di associazioni per delinquere operanti in tutta Italia attive nel settore della raccolta delle scommesse in rapporto con le principali cosche reggine De Stefano-Tegano, Pesce-Bellocco e Piromalli. L'inchiesta "Galassia", condotta dal Nucleo di polizia economico e finanziaria di Reggio, insieme a personale del Scico, dal Nucleo speciale tutela privacy e frodi tecnologiche della Finanza di Roma e dal centro operativo della Dia reggina, aveva portato alla luce l'esistenza di varie associazioni attive, all'epoca, con i marchi "Planetwin365", "Betaland" e "Enjoybet" che operavano in rapporto con le cosche di ‘Ndrangheta consentendo a quest'ultima di infiltrarsi nella propria rete commerciale e di riciclare ingenti proventi illeciti, tra l'altro traendo supporto per l'ampliamento dei propri affari e per la distribuzione capillare del proprio marchio sul territorio. Secondo gli inquirenti, Ricci, per la raccolta delle scommesse in assenza della concessione, avrebbe utilizzato siti on line ".com" completamente illegali, celando la raccolta illecita di scommesse dietro il fittizio schermo giuridico costituito da centri trasmissioni dati (CTD) e punti vendita ricariche (PVR). Attività illecite che sarebbero state condotte con la società "GVC New Ltd" e, successivamente, della "Oia services Ltd", entrambe con sede a Malta ma, di fatto, attive in Italia.
L’imprenditore, al momento degli arresti, si era reso irreperibile, ma poi è stato rintracciato a Malta dagli investigatori e, in collaborazione con il Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia del Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell'Interno, arrestato dalla polizia maltese nell'aprile scorso, ma poi rimesso in libertà dalle autorità maltesi. Contestualmente all'operazione, la Dda ha disposto un'indagine a carattere economico-patrimoniale dalla quale è emersa la pericolosità sociale dell'imprenditore e la sproporzione tra i redditi ed il patrimonio accumulato da Ricci.
Quindi, il tribunale ha disposto il sequestro del patrimonio riconducibile a Ricci e al suo nucleo familiare, costituito dall'intero compendio delle società maltesi "Oia services limited", "Harvey gaming limited" (gia' "GVC NEW LTD") e "Wls limited", numerosi conti correnti italiani ed esteri e due trust radicati a Malta, di cui uno contenente un cospicuo portafoglio finanziario.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI


'Ndrangheta: arrestato a Malta il latitante Antonio Ricci

Scommesse on line, maxi blitz antimafia

'Ndrangheta: dietro l'arresto di Ricci a Malta un giro da 4.5 mld

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy