Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
“La statua è rimasta orientata in avanti, mai verso Palamara”

"La Procura era perfettamente informata del servizio che si sarebbe svolto durante la processione, mi hanno riferito e dalle prime informazioni raccolte non risulta alcun inchino". Ad affermarlo è stato il procuratore di Imperia Alberto Lari che si è pronunciato sulla vicenda del presunto "inchino" alla processione della Madonna di Polsi, che si è svolta, sabato scorso, a Ventimiglia. Lari ha confermato l’apertura del fascicolo, ma ha spiegato che non c’è la configurazione dell’ipotesi di reato. Secondo il referente ligure della Casa della Legalità, Christian Abbondanza, che ha filmato e poi pubblicato il video, la processione si sarebbe fermata davanti a Carmelo Palamara, seduto su una panchina assieme alla moglie. Carmelo Palamara è fratello di Antonio, morto alcuni anni fa e ritenuto boss della locale ’ndrina ventimigliese. Che il corteo si sia fermato per una sosta tecnica o per altro, non è ancora stato stabilito, ma per il magistrato se di "inchino" si fosse trattato, i portantini avrebbero dovuto rivolgere, anche in minima parte, la statua verso Palamara. Invece, la statua della Madonna è rimasta sempre orientata in avanti.

ARTICOLI CORRELATI

Inchino a Ventimiglia: si indaga sull’omaggio della Madonna di Polsi al boss Palamara

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy