Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
L'intercettazione: "A lui piace, un giorno mi farà le scarpe"

Un bambini di 8 anni era sottoposto alle "lezioni" di suo padre che era a capo di un'organizzazione criminale. Dal taglio della cocaina e marijuana, fino ad incontrare clienti e risolvere le controversie con i fornitori. E' la storia del figlio di Agostino Cambareri, un 46enne di Gioia Tauro che trafficava droga e armi. L'operazione, condotta dai Carabinieri, ha visto tredici fermi di cui otto sono finiti in carcere e cinque ai domiciliari. Il padre impartiva al figlio un'educazione "inquietante", come l'ha definita il procuratore capo di Reggio Calabria Giovanni Bombardieri. Secondo quanto accertato dalle indagini, coordinata dal procuratore aggiunto Gaetano Paci e dal pm Adriana Sciglio, il bambino partecipava ai traffici del padre che lo istruiva su tutti gli aspetti del business. Inoltre, avrebbe assistito al taglio della droga e a incontrare clienti.
Le indagini hanno evidenziato come il ragazzo avrebbe mostrato un interesse per questo assurdo gioco, tanto da suscitare il "vivo compiacimento" del proprio padre. In un'intercettazione, Cambareri riguardo a suo figlio ha detto che l'attività svolta da lui "gli piace" e che un giorno "mi farà le scarpe". Le "lezioni" non si limitavano al confezionamento e spaccio delle dosi ma si estendevano anche alla risoluzione dei contrasti con i fornitori sudamericani. "Che facevano? - ha detto l'uomo al bimbo, riferendosi a una controversia su una fornitura - Una guerra succedeva qua... avevano kalashnikov, tutto... così lo potevi ammazzare, lo sotterravi e non sapeva niente nessuno, invece lì i colombiani... venivano qua sai che facevano? Il macello".
In un'altra intercettazioni, Cambareri ha confessato che stava andando con il figlio a "tagliare l'erba" dopo averla bruciata e ha ricordato al ragazzo che l'indomani "la buca va coperta".
L'inchiesta è iniziata nel 2016 quando l'uomo ha comunicato al figlio di aver venduto a un cliente una dose tagliata male e bisognava sostituirla: "Se la troviamo, vediamo che ha, se ha questa o quella e le diamo quella giusta. Hai capito? Che con quella all'ospedale va a finire".
Gli episodi sono andati avanti fino al primo arresto del padre che poi dopo la scarcerazione si è allontanato volontariamente per imbarcarsi su una nave per lavorare.
Se ci saranno gli elementi per l'allontanamento dal nucleo familiare, il bimbo potrebbe entrare a far parte del programma "Liberi di scegliere" che cerca di strappare i figli ai mafiosi, offrendo loro un'altra strada.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA CITTA' IN PUGNO

UNA CITTA' IN PUGNO

by Antonio Fisichella

...

DOPPIO LIVELLO

DOPPIO LIVELLO

by Stefania Limiti

...


FRATELLI TUTTI

FRATELLI TUTTI

by Jorge Mario Bergoglio

...

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy