Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sono scaduti i termini di custodia cautelare
di AMDuemila
Paolo Romeo, di 72 anni, ex deputato del Psdi ed avvocato, è stato scarcerato ieri mattina, su disposizione del Tribunale di Reggio Calabria, per scadenza dei termini di custodia cautelare. Romeo, arrestato tre anni fa, è una delle figure di spicco del processo 'Ghota' perché ritenuto dalla Dda di Reggio Calabria al vertice della cupola politico-affaristico-mafiosa che avrebbe condizionato la vita politico-amministrativa della città. Paolo Romeo, già in passato condannato in via definitiva per concorso esterno in associazione mafiosa, è considerato come una delle figure più grigie della 'Ndrangheta reggina, vicino ai servizi, alla massoneria e alla destra eversiva. Secondo alcuni collaboratori di giustizia sarebbe stato persino un uomo di "Gladio".
Il processo "Gotha" è frutto dell’unificazione delle inchieste “Mamma Santissima”, “Reghion”, “Fata Morgana”, “Alchimia” e “Sistema Reggio” che hanno svelato l’esistenza di un sistema “riservato” della ‘Ndrangheta.
Romeo si trova imputato assieme all'ex senatore Antonio Caridi, l'avvocato Giorgio De Stefano e l'ex dirigente della Regione, Francesco Chirico. Romeo, difeso dall'avvocato Carlo Morace, oggi sta seguendo il processo in stato di libertà.

ARTICOLI CORRELATI

Processo Gotha, il pentito Iannò: ''Così votammo per Paolo Romeo''

Processo Gotha: ''Scopelliti era cosa dei De Stefano''

Gotha, il maxiprocesso agli ''Invisibili'' resta a Reggio Calabria

Gotha, chiesto il processo per il senatore Caridi

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy