Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

figliomeni tito c ansaRicercato dal 2010, è stato individuato e bloccato in Canada
di AMDuemila
Reggio Calabria
. Tito Figliomeni, il latitante arrestato all'aeroporto di Fiumicino, secondo l'accusa, è uno tra i principali esponenti del gruppo mafioso dei Rumbo-Galea-Figliomeni, confederato alla potente cosca Commisso di Siderno, una delle più importanti famiglie della 'ndrangheta jonico-reggina. Il latitante arrestato, in particolare, avrebbe operato in modo fittizio quale socio di maggioranza in una società di Siderno operante nel settore dello smaltimento-inerti e movimento-terra. L'uomo e' stato arrestato il 10 marzo scorso a Toronto per violazione della normativa migratoria, dal Custom and Border Force canadese, nel quadro di una diretta collaborazione tra il Servizio centrale operativo della Polizia di Stato, la Squadra mobile di Reggio Calabria, la Royal Canadian Mounted Police e la Polizia Metropolitana di Toronto, d'intesa con l'Esperto per la Sicurezza italiano a Ottawa. Dopo il perfezionamento dell'iter procedurale, è stata decretata la sua espulsione dal Paese nord americano, le cui fasi esecutive sono state gestite congiuntamente dalle autorità italiane e canadesi.
Dalle indagini, coordinate dal procuratore della Repubblica di Reggio Calabria facente funzioni Gaetano Paci e dall'aggiunto Giuseppe Lombardo, è emerso che in Canada, a causa di divergenze sulla gestione degli affari derivanti dall'apertura di alcuni esercizi pubblici nel settore delle slot-machine e del gioco d'azzardo, erano sorti contrasti in seno alla 'ndrina, che l'hanno coinvolto insieme ad altri indagati. In particolare, l'apertura di un bar, avvenuta probabilmente in una zona non di competenza della cosca, aveva rischiato di condizionare negativamente gli interessi economici di altre componenti 'ndranghetiste operanti nel distretto dell'Ontario. Ne era derivato l'intervento pacificatore dei vertici calabresi della cosca Commisso, per dirimere la controversia sorta oltreoceano al fine di riportare la pace ritenuta indispensabile per il perseguimento del "bene comune".
Tito Figliomeni, inoltre, è cugino di Angelo e Cosimo Figliomeni, tuttora latitanti e dimoranti in Canada, nonché cugino di Maria Frasca', la donna di origini calabresi assassinata a colpi di pistola il 24 giugno 2015 in un agguato mafioso avvenuto all'interno di un bar di Woodbridge (Toronto-Canada). Per tale ragione, l'arresto di Tito Figliomeni rappresenta, secondo gli investigatori, "un importante tassello nell'ambito della cooperazione investigativa tra Italia e Canada sul fronte del contrasto alle proiezioni internazionali della 'ndrangheta in Nord America", avviata dal Servizio centrale operativo e dalla Squadra mobile di Reggio Calabria, con il coordinamento della Procura distrettuale di Reggio Calabria e della Procura nazionale Antimafia e Antiterrorismo.
La collaborazione internazionale è fondamentale per contrastare la 'ndrangheta - ha commentato il procuratore della Repubblica facente funzioni di Reggio Calabria Gaetano Paci - Stiamo cercando in tutti i modi di implementare la collaborazione con l'ausilio anche di istituzioni internazionali come Eurojust in modo da favorire accordi bilaterali e sfruttare le convenzioni europee ed extraeuropee per fare capire che il problema della 'ndrangheta non è solo calabrese ed è interesse di tutti i Paesi arginare un fenomeno che ha conseguenze non solo di ordine pubblico e sicurezza ma anche economico". "Il problema - ha aggiunto Paci - deriva dalla diversità di legislazione, soprattutto in quei Paesi in cui non è contemplata l'associazione mafiosa. La nostra legislazione e la nostra polizia giudiziaria sono all'avanguardia nel mondo nel contrasto al crimine organizzato e mettiamo a disposizione questa esperienza dove c’è più difficoltà a mettere in pratica certi strumenti di contrasto". L'importanza della collaborazione internazionale è stata  sottolineata anche dal procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo anche perché, “vista l'espansione della 'ndrangheta, fare indagini solo in Italia non è sufficiente. E dove la collaborazione ed il dialogo ci sono i risultati arrivano".

Foto © Ansa

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy