Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

aula bunker rc proc gothadi AMDuemila
Antonio Idone, ingegnere ed ex membro di FinCalabra, non ha escluso nemmeno “la manipolazione” delle conversazioni registrate al processo Gotha nel quale è tra gli imputati principali della cupola di Reggio, retta sulle commistioni tra mafia, politica e massoneria.
Idone, si apprende dalla Gazzetta del Sud, condivide infatti le accuse più pesanti insieme ai coimputati Paolo Romeo (avvocato, secondo l’accusa la mente dell’associazione criminale), Natale Saraceno e Antonio Marra (ugualmente avvocato e gran cerimoniere nella cupola massonica): “In concorso tra loro, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, Romeo Paolo in qualità di gerente e dirigente sostanziale dell’associazione; Saraceno Natale quale suo consigliere in funzione di predisporre i bilanci, le scritture e la gestione contabile, in maniera funzionale a conseguire lauti finanziamenti pubblici; Marra Antonio quale concorrente morale coinvolto nella individuazione del soggetto a cui intestare il ruolo di rappresentante dell’associazione; Idone Antonio quale procacciatore di finanziamenti dagli enti locali, attribuivano fittiziamente la rappresentanza formale del Circolo Pescatori Posidonia ed i successivi contributi e sovvenzioni pubbliche conseguite dalla predetta associazione, a soggetti terzi, al fine di celare il ruolo di determinazione delle scelte e degli indirizzi dell’associazione”. Si tratta, secondo l’accusa dei pm Giuseppe Lombardo, Stefano Mugolino e Walter Ignazitto, di fatti aggravati in quanto “funzionali ad agevolare l’infiltrazione della ‘Ndrangheta nelle relazioni profittevoli con la Pubblica Amministrazione e con la politica”.
Ma Idone, che è stato interrogato davanti al gup reggino Pasquale Laganà, si è difeso dalle accuse dichiarando la propria estraneità, a cominciare dal rapporto con Romeo, che afferma di conoscere “da 35 anni” anche se “con il mio incarico in FinCalabra non ha alcuna attinenza”, per poi passare a descrivere i suoi contatti con Marra. Il processo nel quale Idone è alla sbarra è il troncone che celebra il rito abbreviato per 32 imputati.