Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

pesce antonino arrestoIl boss arrestato dai carabinieri, questa mattina, a Gioia Tauro
di AMDuemila
I carabinieri del Reparto operativo del Comando provinciale di Reggio Calabria e quelli della Compagnia carabinieri, insieme allo Squadrone cacciatori Calabria, hanno arrestato questa mattina il latitante Antonino Pesce, di 34 anni, ritenuto il reggente dell'omonima cosca. Il boss era latitante dal luglio 2016 e si nascondeva in un appartamento nella zona marina di Gioia Tauro dove, verosimilmente, si era recato per incontrare la compagna ed i figli. L'arresto è avvenuto in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Reggio Calabria su richiesta della Dda, per associazione mafiosa e traffico internazionale di sostanze stupefacenti.
Immediatamente, l’uomo ha cercato di disfarsi di una pistola semiautomatica, lanciandola dalla finestra, per poi farsi ammanettare. Recuperata dai carabinieri, secondo le prime analisi l’arma è risultata rubata nel 2015 a Civitanova Marche, in provincia di Macerata. L'arma era perfettamente funzionante e completa di caricatore e munizioni, ma adesso gli accertamenti tecnici dovranno dire se ha sparato e quando. Durante il blitz non ha poi opposto alcuna resistenza.
Secondo gli inquirenti Pesce, anche a seguito dello stato di detenzione di altri familiari, avrebbe preso proprio il controllo degli affari del clan occupandosi in particolare dell’approvvigionamento delle risorse finanziarie, principalmente gestendo l’attività di importazione di cocaina dal Sudamerica e curandone l’esfiltrazione quando veniva stoccata in container fatti sbarcare nel porto di Gioia Tauro. Inoltre avrebbe curato i rapporti con gli altri clan, in particolare quelli dei Bellocco e dei Molè, svolgendo le funzioni di organizzatore e promotore della cosca.
Nell'operazione odierna i militari hanno anche tratto in arresto un’altra persona accusata di favoreggiamento personale: si tratta del proprietario dell’abitazione dove è stato rintracciato il latitante, Tonino Belcastro, di 53 anni, già noto forze dell’ordine. Entrambi sono stati condotti nella casa circondariale di Palmi.

Video

  • All
  • Antonio Ingroia
  • Camorra
  • Cosa Nostra
  • Gioco D'azzardo
  • Pietro Riggio
  • Salvatore Borsellino
  • Video

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

...

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

by Letizia Battaglia, Sabrina Pisu

...


MAGISTROPOLI

MAGISTROPOLI

by Antonio Massari

...

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

by Gianluigi Nuzzi

...


OSSIGENO ILLEGALE

OSSIGENO ILLEGALE

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

...


LA STRAGE CONTINUA

LA STRAGE CONTINUA

by Raffaella Fanelli

...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy