Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

auto-scorta-lampeggianteLe carenze nella Procura di Catanzaro denunciate da “L'Espresso”
di AMDuemila - 6 agosto 2015
Auto blindate della scorta che restano a piedi sulle strade durante i tragitti di lavoro. Carichi di lavoro sempre più grandi per un numero esiguo di magistrati che può occuparsene. E' questo quello che accade alla Dda di Catanzaro. A scriverlo è “L'Espresso” che parla dei guasti alle macchine a disposizione degli inquirenti che si sono fermate per ben tre volte negli ultimi mesi. Appena un anno fa il settimanale denunciava anche la carenza di organico per gestire un vastissimo territorio come il distretto giudiziario di Catanzaro, il terzo per grandezza nel meridione dopo Napoli e Palermo. I sostituti della Dda di Catanzaro, sono competenti su reati di 'ndrangheta e processi antimafia che si susseguono nel capoluogo e nei territori di Vibo Valentia, Crotone, Cosenza, Castrovillari, Lamezia Terme e Paola. Nonostante la richiesta di aiuto inviata al Csm e alla politica dagli organi competenti non è arrivata alcuna risposta e la situazione è peggiorata.
Ad esempio, scrive “L'Espresso”, rispetto all’anno scorso, all’ufficio gip, che si occupa degli arresti cautelari dei mafiosi, manca il presidente titolare, trasferito lo scorso dicembre in Corte d’Appello. E a breve lascerà per altro incarico il presidente facente funzione. Senza considerare che la procura antimafia può contare sulla presenza di soli sei pm.

Presto Catanzaro dovrebbe vedere inaugurata la nuova “cittadella giudiziaria” per potenziare gli apparati del tribunale, ma la verità è che i problemi sono ben altri.
“La Ndrangheta è il fenomeno criminale più pericoloso eppure a Catanzaro, che è il terzo distretto del meridione, abbiamo solo sei magistrati che devono occuparsi di un territorio vastissimo” ha commentato il procuratore aggiunto di Catanzaro, Giovanni Bombardieri.
Carenze denunciate anche dal magistrato della Dda, Vincenzo Luberto. Entrambi mettono in evidenza anche che “L’ufficio gip è in affanno, tanto che dalla richiesta di arresto presentata dalla procura alla risposta dei giudici può passare anche un anno e mezzo”.
A fronte di questa grave situazione è sempre più lecito chiedersi se la lotta alla 'Ndrangheta sia davvero una priorità, come proclama il Presidente della Repubblica Mattarella. A guardare lo stato attuale delle cose la risposta è assolutamente negativa.