Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Le udienze saranno a porte aperte

Ha chiesto che il processo a suo carico sia aperto al pubblico, nonostante il rito abbreviato preveda la celebrazione a porte chiuse, Giovanni Luppino, imprenditore che faceva da autista a Matteo Messina Denaro e che con lui è stato arrestato il 16 gennaio del 2023. Il 13 marzo, giorno in cui si terrà la prossima udienza; dunque, il procedimento si svolgerà a porte aperte. Nelle scorse settimane la Procura di Palermo ha chiesto per Luppino la condanna a 14 anni e 4 mesi di carcere. L'accusa in aula è rappresentata dal pm della Dda Piero Padova. Imprenditore agricolo di Campobello di Mazara, l'imputato venne indagato per favoreggiamento, ma la sua posizione si è aggravata nel corso delle indagini, quando è venuto fuori che quello che appariva come un "semplice" fiancheggiatore, chiedeva il pizzo per conto del capomafia. Al gup che lo processa Luppino aveva raccontato che a presentargli Messina Denaro come suo cugino, nel 2020, era stato un compaesano, Andrea Bonafede (il geometra che ha prestato l'identità al capomafia, ndr), che gli avrebbe chiesto di accompagnarlo a Palermo per delle cure. Un giorno, però, il passeggero, conosciuto col nome di Francesco Salsi, si sarebbe sentito male durante uno dei viaggi per il capoluogo e all'invito di Luppino di andare in ospedale avrebbe detto: "portami a casa, sono Messina Denaro non posso andare in ospedale". Da allora "per ragioni umanitarie", sapendo che il boss era gravemente malato, l'imputato l'avrebbe continuato a portarlo alle terapie. Il padrino gli avrebbe di volta in volta lasciato nella cassetta delle poste un biglietto con l'orario dell'appuntamento successivo. Racconti che, per gli inquirenti, farebbero acqua da più parti. Dalle analisi delle celle telefoniche dell'autista, che aveva anche stretti rapporti con l'amante del padrino, Laura Bonafede, risulta, che questi avrebbe portato il capomafia in clinica per ben 50 volte in due anni. Lo scorso 13 febbraio sono stati arrestati per favoreggiamento aggravato e procurata inosservanza della pena anche i figli di Luppino Antonio e Vincenzo. Secondo i pm sarebbero stati, come il padre, al servizio del padrino di Castelvetrano durante la sua latitanza.

ARTICOLI CORRELATI

Messina Denaro: 30 anni di latitanza finanziati da 'imprenditori bancomat’

Palermo: arrestati i figli dell'autista di Matteo Messina Denaro

Arresto Messina Denaro: figli dell'autista non rispondono al gip

Mafia: arrestata sorella boss Messina Denaro. Gestiva la ''cassa'' della famiglia e la rete di pizzini

Messina Denaro incontrava la sorella Rosalia che ne seguiva le attività e lo stato di salute

Messina Denaro: ''A Palermo facevo una vita libera. Non mi pento, ma mai dire mai''

 

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos