Su mandato della Dda di Palermo emessi 35 arresti e 70 perquisizioni nel trapanese

I Carabinieri del Ros e del Comando Provinciale di Trapani, con il supporto in fase esecutiva dei Comandi Provinciali Carabinieri di Palermo e Catania, del 9° Nucleo Elicotteri Carabinieri di Palermo, degli Squadroni Eliportati Carabinieri ''Cacciatori Sicilia'' e ''Cacciatori Calabria'', nonché del 12° Reggimento Carabinieri ''Sicilia'', hanno dato esecuzione a provvedimenti emessi dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo nei confronti di una settantina di persone ritenute vicine al capo di Cosa nostra, il boss Matteo Messina Denaro (latitante da quasi 30 anni). Tra questi soggetti 35 sono gravemente indiziati, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, estorsione, turbata libertà degli incanti, reati in materia di stupefacenti, porto abusivo di armi, gioco d'azzardo e altro, tutti aggravati dal metodo e dalle modalità mafiose (e tutti attinti da provvedimento cautelare emesso dal Tribunale di Palermo su richiesta della Dda). Nei confronti degli altri è in corso l'esecuzione di decreti di perquisizione e sequestro. L'indagine "s'inquadra nella più ampia manovra investigativa condotta dall'Arma in direzione della cattura del latitante Matteo Messina Denaro e che, oramai da circa 30 anni si sottrae volontariamente all'esecuzione di decine di misure cautelari", fa sapere l'Arma. Il provvedimento cautelare compendia gli esiti di articolate indagini svolte dai Carabinieri sul conto di esponenti di primo piano dei mandamenti mafiosi di cosa nostra trapanese, confermandone la riferibilità alla leadership della primula rossa di Cosa nostra, il quale sarebbe ancora in grado di "impartire direttive funzionali alla riorganizzazione degli assetti della suddetta provincia mafiosa".

L'inchiesta della Dda di Palermo "ha restituito l'immagine di una perdurante vitalità di cosa nostra trapanese che continua a regolare il proprio funzionamento sul più rigoroso rispetto delle regole ordinamentali che hanno nel tempo contraddistinto l'agire dell'organizzazione", dice l'Arma dei Carabinieri. Dal monitoraggio delle famiglie mafiose di Campobello di Mazara, Mazara del Vallo e Marsala, nelle loro espressioni di vertice è emerso, in primo luogo, “la figura di un uomo d'onore campobellese che, recentemente scarcerato e già protagonista in passato di importanti dinamiche riguardanti i rapporti dell'area trapanese con esponenti apicali di cosa nostra palermitana, secondo quanto ritenuto dal Giudice per le indagini preliminari, sarebbe gravemente indiziato di avere acquisito centralità in tutto l'aggregato mafioso di quella provincia, risultando in grado di esprimere una costante e trasversale autorevolezza nell'ambito di dinamiche intermandamentali, anche esterne alla provincia di Trapani". Posizione di rilevanza questa “garantita anche dalla ritenuta vicinanza a Messina Denaro del quale l'uomo d'onore campobellese - secondo alcuni indagati - avrebbe ricevuto comunicazioni finalizzate alla designazione dei referenti di diverse articolazioni territoriali mafiose della provincia: elementi questi confermativi della primazia di Messina Denaro nelle dinamiche complessive della provincia trapanese". L'uomo d'onore campobellese - la cui operatività sul territorio sarebbe stata garantita, secondo univoche emergenze compendiate dal Gip nel provvedimento cautelare, da un fiduciario parimenti raggiunto dal provvedimento cautelare - avrebbe "designato il reggente della decina di Petrosino; chiesto conto circa la nomina del reggente dell'importante mandamento di Mazara del Vallo, rimasto vacante all'esito dell'operazione Anno zero".

Il riferimento degli inquirenti è a Francesco Luppino, ritenuto uno dei principali portavoce di Matteo Messina Denaro, scarcerato tre anni fa. All'uscita dal carcere ha nuovamente tessuto la rete di relazioni del boss latitante Messina Denaro. Sono stati anche acquisiti gravi indizi con riferimento a "dinamiche associative ultra-provinciali, in direzione di cosa nostra palermitana, agrigentina e catanese nel cui ambito i trapanesi venivano indicati come quelli che appartengono a Matteo Messina Denaro”; "le attività di infiltrazione di cosa nostra trapanese nel tessuto economico/sociale con riferimento a presunti condizionamenti della libertà degli incanti, alla gestione, in forma pressoché monopolistica, del settore della sicurezza nei locali notturni e del recupero crediti". E ancora: "interventi finalizzati ad alterare le procedure di aggiudicazione di immobili oggetto di asta giudiziaria; presunte estorsioni in danno di aziende locali nel settore enogastronomico (tra cui una cantina vinicola) e turistico (strutture ricettive); la disponibilità di armi da fuoco". Nel corso dell'operazione sono state effettuate numerose perquisizioni su siti ritenuti di interesse anche ai fini della ricerca del latitante ed intensificate le attività di controllo del territorio nelle località di maggiore interesse operativo.

ARTICOLI CORRELATI

Mafia: Matteo Messina Denaro latitante di Stato

Matteo Messina Denaro, il boss di Cosa nostra l'ultimo latitante stragista - DOCUVIDEO

La Nazionale Italiana non si inginocchia e nessuno vaccina Matteo Messina Denaro
di Saverio Lodato

Cercate bene l'esplosivo destinato a Nino Di Matteo, troverete Matteo Messina Denaro
di Saverio Lodato

Matteo Messina Denaro e la latitanza

Principato: ''Messina Denaro? È protetto da una rete massonica''

Attentato al pm Di Matteo, pentito conferma: ''Messina Denaro mandò un messaggio''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy