Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La Corte d'Assise d'appello di Caltanissetta, presieduta da Maria Carmela Giannazzo, ha respinto la richiesta dell'avvocato d'ufficio di Matteo Messina Denaro, il legale Salvatore Baglio, di emettere la nullità del decreto di latitanza e di conseguenza anche quella del decreto di citazione in giudizio in appello. Per la Corte, che ieri ha sciolto la riserva nel processo a carico del super latitante, la richiesta è infondata.
Il boss, condannato in primo grado all'ergastolo, è accusato di essere uno dei mandanti delle stragi di Capaci e via d'Amelio.
Nel corso dell'udienza di ieri è stata ammessa invece la registrazione delle udienze da parte di Radio Radicale, cui si era opposta la difesa, perché, come specificato dal presidente della Corte si tratta di un servizio che svolge una funzione sociale fondamentale di conoscenza del processo. Al termine dell'udienza, il sostituto procuratore generale Massimo Trifirò ha depositato i cd con sette sentenze, più una cartacea, sui processi Borsellino e Capaci. La Corte ha rinviato il processo al 12 settembre alle 15.30 per calendarizzare la discussione.

ARTICOLI CORRELATI

Matteo Messina Denaro: il racconto di un ''latitante di Stato'' in un libro senza censure
di Sebastiano Ardita

Matteo Messina Denaro e la trattativa Stato-Mafia
di Giorgio Bongiovanni

Matteo Messina Denaro, il boss di Cosa nostra protetto dallo Stato-Mafia

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy