Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

I carabinieri della compagnia di Paternò, assieme ai colleghi del Nil (Nucleo ispettorato del lavoro), hanno individuato 5 soggetti (tre donne e due uomini, tra cui condannati già per mafia) per truffa sul reddito di cittadinanza. Secondo gli investigatori avrebbero utilizzato dichiarazioni false e omesso informazioni dovute per ottenere i benefici.
Nello specifico uno dei soggetti è un detenuto, capo e organizzatore del clan Alleruzzo-Assinnata-Amantea, gruppo territoriale della famiglia Santapaola-Ercolano di Catania, arrestato nell'ambito della recente operazione "Sotto scacco" dei carabinieri di Paternò.
Il secondo caso riguarda la moglie detenuta di Salvatore Rapisarda, detto "Turi 'u porcu", reggente dell'omonimo clan, attivo nel comune di Paternò, legato ai Laudani. In elenco anche un appartenente al gruppo di Picanello dei Santapaola-Ercolano di Catania. Ci sono poi due donne che hanno richiesto e ottenuto il reddito di cittadinanza, per conto dei propri coniugi, pur essendo anche quest'ultimi condannati in via definitiva per associazione di tipo mafioso (appartenenti al gruppo di Picanello dei Santapaola-Ercolano e al clan Morabito-Rapisarda, attivo nel comune di Paternò e legato ai Laudani). L'importo complessivo riscosso tra marzo 2020 e lo scorso settembre, è di oltre 48 mila euro. L'Inps ha revocato immediatamente il beneficio e avviato le procedure di restituzione di quanto percepito. Le operazioni condotte in ambito provinciale dai reparti dell'Arma hanno consentito nel 2021 di acquisire indizi sul conto di 149 persone che, a vario titolo, con false attestazioni, hanno beneficiato di somme per un ammontare complessivo di oltre un milione di euro. Ad aprile è stato eseguito un decreto di sequestro preventivo delle carte di reddito di cittadinanza di 76 persone, tra cui mafiosi.

Foto: it.depositphotos.com

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy