Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Secondo l'autopsia effettuata dagli investigatori, Salvatore Di Gangi - lo storico capomafia di Sciacca (79 anni) fedelissimo di Salvatore Riina - trovato morto in una galleria della stazione Principe (Genova) non è stato ucciso. I rilevamenti sono stati eseguiti su incarico del sostituto procuratore della Dda di Genova Federico Manotti, tuttavia è ancora da chiarire se il boss sia deceduto per un malore o dall'impatto con un treno.
Intanto proseguono le indagini per ricostruire con esattezza quanto successo sabato, ultimo giorno di vita dell'anziano. Di Gangi era stato scarcerato il 26 novembre dal carcere di Asti per "gravi deficit cognitivi incompatibili con il regime carcerario". Il pm, che coordina l'indagine della squadra mobile e della polizia ferroviaria, vuole capire se vi sia stato un abbandono di persona incapace. Qualcuno, si chiedono gli inquirenti, ha chiamato dal carcere i familiari per comunicare la scarcerazione? E, ancora, il capotreno che lo ha fatto scendere a Principe perché non aveva il green pass ha capito di trovarsi davanti a un uomo che non era in grado di gestirsi da solo?

ARTICOLI CORRELATI

Cosa Nostra: la morte di Di Gangi apre uno scenario sconosciuto

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy