Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

E' iniziato ieri pomeriggio, davanti al Tribunale di Marsala, il processo scaturito dall'operazione "Ermes 3", scattata il 20 giugno 2020. Alla sbarra il boss di Castelvetrano, il latitante Matteo Messina Denaro, e sette delle quindici persone al tempo coinvolte (due arrestate e 13 denunciate). Si tratta di Vincenzo La Cascia, di 73 anni, Giovanni Onofrio Beltrallo, di 54, Leonarda Furnari, di 37, Melchiorre Vivona, di 64, Domenico Salvatore Zerilli, 51, e Antonino Stella, 74. I reati a vario titolo contestati dalla Dda di Palermo sono associazione mafiosa, estorsione, detenzione di armi e favoreggiamento della latitanza di Messina Denaro. Nel corso del blitz operato, lo scorso anno, dalla Squadra mobile di Trapani è stata ancora una volta perquisita, a Castelvetrano, anche la casa della madre del latitante. Ad essere arrestati, per associazione mafiosa ed estorsione, furono Giuseppe Calcagno, di 47 anni, e Marco Manzo, di 56, pregiudicato, entrambi di Campobello di Mazara. Questi ultimi, insieme ad altri, sono attualmente sotto processo, con rito abbreviato, davanti al Gup di Palermo Rosario Di Gioia.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy