Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"È un momento difficile in cui all'angoscia si aggiunge la preoccupazione per una violenta campagna di delegittimazione nei miei confronti. Un tentativo che spaventa, perché le minacce accanto a certa delegittimazione portano solo ad una direzione". A dirlo è Paolo Borrometi, che ha riferito ieri in commissione Antimafia sulle minacce ricevute per via del suo lavoro di giornalista, alla presenza del segretario generale e del presidente della Fnsi, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti. "Nelle intercettazioni - ha spiegato Borrometi - Castello sa che mi avevano proposto di fare un film sul mio libro, una notizia riservatissima. Come faceva a sapere? Quel 'noi teniamo presente…' mi inquieta". "Questa audizione - ha spiegato Walter Verini, coordinatore del Comitato per la tutela dei giornalisti minacciati - si è resa urgente e necessaria dato l'ulteriore allarme destato dopo l'operazione 'Xidy' della Dda di Palermo, con la pubblicazione di intercettazioni in cui si fa riferimento alle inchieste e ai libri di Borrometi con allusioni inquietanti e minacce gravi". In collegamento dalla sede della Fnsi, il vicedirettore dell'Agi ha raccontato dei 48 processi in cui è parte offesa, diversi dei quali già terminati in primo e secondo grado con condanne per gli imputati, di quanto emerso con la recente operazione antimafia e della sua situazione di cronista costretto a vivere sotto scorta dal 2014. "Siamo e saremo al fianco di Paolo Borrometi, al quale rinnoviamo la nostra stima e la nostra solidarietà", hanno ribadito Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, che hanno anche segnalato al Comitato il caso del giornalista casertano Enzo Palmesano, allontanato dal suo giornale su pressione del clan locale. "La Fnsi è accanto a Paolo, nelle aule di tribunale e non solo, e continuerà a fargli da 'scorta mediatica'", hanno aggiunto. In chiusura, il coordinatore Verini ha anticipato l'intenzione di proporre al presidente Nicola Morra la convocazione di Borrometi in sessione plenaria della commissione Antimafia.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Giulia Sarti: ''Siamo vicini a Paolo Borrometi, i boss hanno notizie riservate su di lui''

''Ho fiducia nelle indagini che saranno fatte sulle mie minacce''

Quando il boss si irava per le inchieste di Borrometi

Minacce a Borrometi: solidarietà da Avviso Pubblico e Sos Impresa

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy