Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

E' morto nel Policlinico di Bari lo storico boss Francesco 'Ciccio' La Rocca, esponente di spicco di Cosa nostra nel Catanese, guidata dalla 'famiglia' Santapaola, legato ai Corleonesi di Totò Riina. Aveva 82 anni ed era da tempo malato. Durante la sua attività criminale avrebbe ospitato anche Bernardo Provenzano in un periodo della latitanza del capomafia palermitano.
Svariati collaboratori di giustizia lo avevano indicato come un grande mediatore con un fiuto per attirare politici e imprenditori. Nel 2000 sarebbe tornato operativo: dopo la guerra di Mafia del 1998 cercò di rimettere insieme i pezzi della Mafia ennese, agrigentina e nissena.
A metà dello scorso anno era stato trasferito dal carcere di Opera nel suo paese d'origine, San Michele di Ganzaria, agli arresti domiciliari, per gravi motivi di salute. Il provvedimento era stato revocato a settembre e La Rocca era stato condotto prima nel reparto detenuti dell'ospedale Cannizzaro di Catania, poi nel carcere di Bari, che ha una struttura clinica interna. Da circa un mese era stato trasferito nel Policlinico del capoluogo pugliese, agli arresti detentivi, per l'aggravarsi delle sue condizioni di salute.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy