Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Ora che siamo così vicini alla data dell'inizio del processo, a carico di uno degli imputati, la mancanza di mia moglie Augusta Schiera è ancora più dolorosa". Con queste parole nei giorni scorsi Vincenzo Agostino, su Facebook, esprimeva la propria emozione in vista del primo processo iniziato oggi a Palermo, a carico del boss Nino Madonia per l'omicidio del figlio, l'agente Nino Agostino, ucciso nell'agosto del 1989 con la moglie Ida Castelluccio. Un'attesa di giustizia che per la famiglia dura da oltre trent'anni.
Madonia, capo del mandamento di Resuttana, ha chiesto ed ottenuto di essere processato con il rito abbreviato.
La procura generale, in questa prima udienza, ha chiesto l'acquisizione di tutte le sentenze di condanna riportate nei decenni dal boss, accusato di essere il mandante, ma anche accertamenti sull'obbligo di firma che Madonia aveva nel 1989 e le trascrizioni delle due udienze recenti del processo Trattativa nelle quali ha deposto Pietro Riggio.
La parte civile ha chiesto l'acquisizione della sentenza della Corte di assise di appello di Palermo sui delitti politici, nella quale furono trattate le dichiarazioni di Alberto Volo. La difesa del boss Madonia ha contestualmente chiesto un termine per esaminare gli atti. Il Tribunale ha concesso il termine e rinviato il processo al prossimo 10 dicembre.
Nel frattempo procede l'udienza preliminare nei confronti di altri due coimputati che hanno scelto la via del rito ordinario, Gaetano Scotto e Francesco Paolo Rizzuto.
Il boss dell'Acquasanta è accusato del delitto mentre il secondo è accusato di favoreggiamento aggravato.
La Procura generale, rappresentata in aula dal sostituto procuratore nazionale antimafia Domenico Gozzo (applicato al procedimento) e dal sostituto procuratore generale Umberto De Giglio, ha già chiesto il rinvio a giudizio e alla prossima udienza, rinviata al 14 gennaio dovranno intervenire le parti civili e le parti offese.

ARTICOLI CORRELATI

Delitto Agostino: Madonia a giudizio il 27 novembre

Omicidio Agostino, sarà in abbreviato il processo contro boss Madonia

Delitto Agostino, la Procura generale può chiedere il processo

Omicidio Agostino, la Procura generale ha chiesto il rinvio a giudizio per Madonia e Scotto

Omicidio Agostino, al via l'udienza preliminare

Nino Agostino, mistero irrisolto (per ora)

Repici sull'omicidio Agostino: ''Sinergia tra mafia e apparati deviati dello Stato''

Caso Agostino: tra la ricerca dei latitanti e gli incontri con Falcone

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy