Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
“Le scarcerazioni hanno dato soprattutto un segnale sbagliato alla collettività, in provincia di Catania ci siamo ritrovati ai domiciliari personaggi di un certo peso criminale”. E’ quanto ha detto il procuratore capo di Catania, Carmelo Zuccaro, al quotidiano “La Repubblica”, riguardo all’allarme scarcerazioni dei boss mafiosi per il rischio contagio da Coronavirus, ma anche per altre motivazioni. Secondo il magistrato “le scarcerazioni dei mafiosi hanno rappresentato un aggravio di lavoro formidabile. Sia dal punto di vista amministrativo, per il susseguirsi di pareri che abbiamo dovuto predisporre in breve tempo, sia dal punto di vista investigativo e dei controlli”. Uno dei boss catanese di alto calibro, come Francesco La Rocca, nei scorsi mesi gli sono stati concessi gli arresti domiciliari a causa del Covid-19. “Sulla questione scarcerazioni - ha concluso il procuratore capo di Catania - ci sono state tante leggerezze. Da parte di organismi ministeriali e anche da parte di taluni magistrati. Magari per mancanza di sensibilità, la lotta alla mafia non ammette cali di attenzione”.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Scarcerazioni boss: dopo il lockdown in 112 ancora a casa

Scarcerazioni boss: ecco la lista del Dap, a casa in 376 fra mafiosi e narcos

Scarcerazioni boss: oltre 400 in ''lista d'attesa'' per i domiciliari

Detto-fatto, i 41-bis tornano a casa

Mafiosi ai domiciliari, dopo Bonura è il turno di Sansone

Coronavirus e mafia, ecco i boss stragisti che usciranno dal carcere (?)

Emergenza Coronavirus: lo Stato dica ai boss di restare in carcere

'Ndrangheta stragista, sì ai domiciliari per Rocco Santo Filippone

Scarcerazioni boss mafiosi, Sabella: ''Ciò che è avvenuto lascia sgomenti''

Il ''Cura Italia'', le carceri e l'indulto mascherato

Permessi premio a ergastolani. Sebastiano Ardita: ''Servono controlli costanti, non dati teorici''

Di Matteo, Bonafede e la nomina al Dap negata ''per lo stop di qualcuno''

Di Matteo: ''Bonafede nel 2018 mi propose il Dap. Pronto ad accettare, ma poi vi fu dietrofront''

Ringraziate Nino Di Matteo. Bonafede vuole riportare dentro i boss

L'arroganza del potere
Il fallimento nella lotta alla mafia del ministro Bonafede
In difesa di Nino Di Matteo
di Giorgio Bongiovanni - Video-Intervista

Nino Di Matteo in Commissione antimafia: ''Ecco tutta la verità''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy