Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Antoci: "Un altro segnale di ripristino della legalità a chi vuole aggirare il Protocollo"

I militari della Tenenza della guardia di finanza di Nicosia, del comando provinciale di Enna e della compagnia pronto impiego di Catania, sotto disposizione della Dda di Caltanissetta, hanno disposto perquisizioni nei confronti di 10 imprenditori agricoli e due funzionari pubblici 'infedeli'.
Al centro dell'inchiesta "New Park" l'assegnazione condizionata dall'influenza mafiosa di 1.100 ettari di pascoli del Parco dei Nebrodi mediante licitazione privata con il metodo delle offerte segrete tenute, tra il 2014 e il 2017, da parte dell'Azienda speciale silvo pastorale di Troina. Nell'ambito della stessa operazione le Fiamme gialle hanno notificato un avviso di garanzia a 14 indagati. I reati ipotizzati, a vario titolo, sono abuso d'ufficio, turbata libertà degli incanti, illecita concorrenza con minaccia o violenza, estorsione, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. E' contestata anche la circostanza aggravante dell'utilizzo del metodo mafioso.
Tra gli indagati dell'operazione 'New Park', avviata nel 2018 dalla Tenenza della Gdf di Nicosia, ci sono anche due ex direttori pro tempore dell'Azienda speciale silvo pastorale di Troina: Giuseppe Alessandro Militello e Salvatore Pantò. Gli imprenditori agricoli coinvolti sono: Giuseppe Conti Taguali, Carmela Pruiti, Gaetano Conti Taguali, Calogero Conti Taguali, Sebastiano Conti Taguali, Maria Conti Taguali, Melissa Miracolo, Sebastiano Musarra Pizzo, Salvatore Armeli Iapichino, e Sabastiano Foti Belligambi. Secondo la Dda di Caltanissetta, i dieci "con la connivenza del direttore pro-tempore dell'Azienda Silvo-Pastorale, che procedeva anche all'arbitrario frazionamento del valore dei contratti al di sotto della soglia all'epoca prevista per le verifiche antimafia, avvalendosi del metodo mafioso e della forza intimidatrice, hanno di fatto monopolizzato le procedure negoziali". Questo, sostiene la Procura, avrebbe "scoraggiato l'accesso alle stesse ad altri concorrenti con fondate aspettative di aggiudicazione della gara pubblica, ottenendo in tal modo l'assegnazione di lotti di pascolo mediante la presentazione di offerte 'incoerentemente' minime - previamente concordate tra i coindagati - rispetto a quelle fissate a base d'asta". Le aggiudicazioni illecite, ha ricostruito la Guardia di finanza, avrebbero permesso ai 10 imprenditori "la percezione indebita, dal 2014 al 2017, di contributi comunitari per complessivi 2,5 milioni di euro" Inoltre, da controlli sulla gara bandita nel 2017, è emersa l'ipotesi di un'estorsione ad opera di altri 2 indagati a un imprenditore del Messinese legittimamente assegnatario di alcuni lotti di pascolo che erano prima gestiti da alcuni degli indagati. Durante le perquisizioni domiciliari eseguite dalle Fiamme gialle del comando provinciale di Enna sono stati rinvenuti e sottoposti a ritiro cautelare 12 fucili, tre pistole, 10 coltelli e munizioni di vario calibro.

Le parole di Antoci
L'esito dell'operazione delle Fiamme Gialle è stata commentata da Giuseppe Antoci, presidente onorario della Fondazione Caponnetto ed ex presidente del Parco dei Nebrodi, scampato ad un agguato di mafia nel maggio 2016. "L'operazione è un ulteriore forte segnale di ripristino della legalita' colpendo chi cerca di aggirare il Protocollo, oggi legge dello Stato. La Mafia dei terreni ha prosperato per anni, adesso, invece, fa i conti con lo Stato. - ha detto Antoci - Fra i soggetti coinvolti anche personaggi utilizzati per cercare di delegittimare me, la magistratura e le forze dell'ordine attraverso il tentativo di sminuire la valenza mafiosa dell'attentato. Ma quell'imbarazzante vicenda e' naufragata miseramente". "Tanti mafiosi da anni - ha aggiunto Antoci - lucravano milioni di euro di fondi europei per l'agricoltura, intimidendo agricoltori e allevatori per farsi cedere i terreni, e tutto ruotava, appunto, attorno alla violazione dei criteri oggi invece sanciti dal protocollo di legalita' e dalla successiva legge nazionale. L'operazione di oggi, che segue quella Nebros II, ne conferma il contesto".
In questi anni "è mancato il coraggio e il controllo nell'assegnazione e nell'erogazione dei fondi ma è iniziato, ormai, un processo di restituzione allo Stato di tutto cio' che le mafie hanno lucrato in questi anni e, soprattutto, un processo di restituzione ad allevatori ed agricoltori onesti di una parte di dignita' che in questi anni si sono visti strappare". Dunque, conclude Antoci, "il mio grazie e i miei complimenti alla Dda di Caltanissetta, al procuratore Amedeo Bertone e ai suoi sostituti, al comandante provinciale della Guardia di finanza, il colonnello Giuseppe Licari, e a tutti i suoi uomini. Un'altra vittoria dello Stato sul tema per il quale combatto da anni e per il quale stavo perdendo la vita. Un'altra vittoria che allevia una vita difficile e blindata alla quale, da anni, sono costretto insieme alla mia famiglia. Lo Stato - ha concluso - è arrivato e, come la verità e la giustizia, arriva sempre".

Foto © Imagoeconomica

Video

  • All
  • 'Ndrangheta
  • Antonio Ingroia
  • Camorra
  • Clan Pesce
  • Cosa Nostra
  • Gioco D'azzardo
  • Pietro Riggio
  • Salvatore Borsellino
  • Video

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

...

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

by Letizia Battaglia, Sabrina Pisu

...


MAGISTROPOLI

MAGISTROPOLI

by Antonio Massari

...

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

by Gianluigi Nuzzi

...


OSSIGENO ILLEGALE

OSSIGENO ILLEGALE

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

...


LA STRAGE CONTINUA

LA STRAGE CONTINUA

by Raffaella Fanelli

...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy