Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
"C'è il rischio di infiltrazioni mafiose". Respinto il ricorso presentato dall'Ires

I giudici della prima sezione del Tar Palermo presieduta da Calogero Ferlisi (Roberto Valenti estensore e Giovanni Tulumello, consigliere) hanno respinto il ricorso presentato dall'Ires con il quale si chiedeva l'annullamento dell'interdittiva antimafia per l'ippodromo emessa dal prefetto di Palermo Antonella De Miro, due anni fa.
Secondo i giudici amministrativi l'interdittiva antimafia "offre una ricostruzione storica volta a delineare il risalente e costante interesse dell'associazione mafiosa rispetto all'ippodromo di Palermo, su cui si sono concentrati gli interessi delle famiglie dei mandamenti di San Lorenzo e Tommaso Natale".
"Il quadro istruttorio esaminato e valutato presenta molteplici elementi comprovanti non soltanto la sussistenza di tentativi di infiltrazione mafiosa nella gestione dell'Ippodromo - si legge nella sentenza - ma addirittura comprovanti la presenza di cosa nostra nella medesima gestione dell'attività come dichiarato dal gip del Tribunale nell'ordinanza di custodia cautelare del dicembre del 2017". Per queste ragioni l struttura resterà chiusa.
Diversamente da quanto prospettato dalla società che ha presentato ricorso, sono state confermate le infiltrazioni mafiose come accertato nelle indagini dei carabinieri del nucleo investigativo con l'operazione Talea.
Le indagini fecero emergere gli interessi di cosa nostra nella gestione delle corse all'ippodromo. In particolare, secondo l'accusa, le corse sarebbero state pilotate così come le scommesse: tutto questo consentiva all'organizzazione mafiosa di reperire liquidità economica. Il controllo dell'ippodromo avveniva attraverso un referente che si impegnava a versare, mensilmente, una somma di denaro destinata alla cassa della famiglia mafiosa di Resuttana.

ARTICOLI CORRELATI

Corse truccate, a Palermo la mafia mette le mani sull'ippodromo

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy