Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila - Video
Giulio Andreotti non fu assolto dall’accusa di associazione a Cosa nostra. Piuttosto, la sentenza spiega che l’ex senatore commise il reato di associazione a delinquere con le famiglie mafiose siciliane - dichiarato prescritto - fino al 1980. Eppure sono in molti a credere ancora nell’innocenza del “Divo”. A raccontare come andarono davvero le cose “La verità sul processo Andreotti” il libro firmato dai magistrati Gian Carlo Caselli e Guido Lo Forte (editore Laterza), presentato ieri a Palermo. Oltre agli autori, sono intervenuti all’evento Nino Di Matteo, sostituto procuratore nazionale antimafia, Pif, regista e attore, Salvatore Cusimano, direttore della sede RAI Sicilia, e Fabrizio Piazza, responsabile vendite della libreria indipendente Modusvivendi.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy