Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

tribunale palermo 2Ieri la conclusione della requisitoria del pm Del Bene
di Aaron Pettinari
Si è concluso ieri con le richieste di pena la requisitoria del pm Francesco Del Bene al processo con rito ordinario nei confronti di Giuseppe Lucido Libranti, Giuseppe Lombardo e Giuseppe Antonio Vassallo. I tre sono accusati dell’omicidio e dell’occultamento del cadavere di Giuseppe Billitteri un venditore ambulante che avrebbe cercato di farsi strada nell'ambito mafioso. A denunciarne la scomparsa il 23 marzo del 2012 è stata la moglie. Ai carabinieri denunciò che il marito, il giorno precedente, si era allontanato da casa alla guida di una Toyota Yaris. Il veicolo venne ritrovato dopo nove mesi in via degli Astronauti, ad Altofonte, distrutta dalle fiamme. Un incendio doloso.
Del Bene ha chiesto alla Corte d’assise di Palermo, presieduta da Alfredo Montalto, la condanna all’ergastolo dei tre imputati. I loro nomi emersero all’interno dell’inchiesta Nuovo Mandamento che svelò gli assetti della mafia tra San Giuseppe Jato e Partinico con la creazione di un supermandamento a Camporeale. Così, tra aprile e ottobre del 2013 finirono in carcere 61 persone. Le indagini avrebbero consentito agli investigatori di far luce sulla lupara bianca. Del delitto ha parlato anche il collaboratore di giustizia Giuseppe Micalizzi che aveva persino accompagnato i carabinieri del gruppo di Monreale nel punto dove il corpo sarebbe stato seppellito. Entrarono in azione gli escavatori ma del cadavere non vi fu traccia. L'ipotesi è che qualcuno abbia spostato il corpo.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy