Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Un piccolo atto di resistenza "civile" dopo "Mani in Pasta"

Riceviamo e pubblichiamo volentieri il comunicato inviatoci da Roberta Ravello per Horse Angels odv.


"Lunedì 24 ottobre il Tribunale di Palermo ha espresso le sue condanne e assoluzioni per il rito abbreviato relativo all’operazione “Mani in Pasta”, che nel maggio 2020 aveva inferto un colpo ad alcuni clan palermitani, con circa 68 imputati alla sbarra.

Il blitz della Guardia di Finanza aveva portato anche al sequestro di un ingente patrimonio immobiliare. Tra i reati contestati, oltre a quello di associazione a delinquere di stampo mafioso, erano comparsi traffico di stupefacenti, riciclaggio, estorsione, reati contro la persona nonché contro il patrimonio, trasferimento fraudolento di valori, reimpiego di capitali illeciti ed esercizio abusivo delle attività di gioco e scommesse. Quello che aveva colpito nel mondo dell'ippica, era che, tra i reati contestati, vi fossero le gare truccate in ben 5 ippodromi italiani.

Nella lista degli indagati figuravano anche ippici, proprietari di cavalli e driver. Tra i beni sequestrati vi erano anche 13 cavalli da corsa.

I cavalli da corsa sarebbero stati dopati per vincere le gare e i driver avversari convinti con le minacce a frenare la corsa dei propri equini, in maniera che persone colluse andassero all’incasso delle vincite.

Horse Angels aveva trovato una nuova casa in affidamento a 7 dei cavalli coinvolti nel sequestro e siamo in attesa delle motivazioni del dispositivo di sentenza, per chiedere l'assegnazione dei cavalli confiscati.

Siamo dunque rimasti freddati dalla notizia che tutti i cavalli sarebbero stati confiscati, ad eccezione di uno restituito alla persona che ne era proprietaria in anagrafe, pur condannata per alcuni dei reati che erano iscritti a questo processo.

L'affidataria del cavallo restituito è istruttrice di equitazione, Barbara Serra di Latina, tecnico di volteggio di secondo livello e tecnico specializzato in riabilitazione equestre.

Il cavallo, il baio in queste foto, in effetti è impiegato in riabilitazione equestre con i bambini, si è molto affezionato all'affidataria, ai bambini e al suo presente stile di vita, per cui restituirlo è sembrato impossibile.

Abbiamo dunque avviato una trattativa di acquisto con la persona proprietaria in anagrafe, e pattuito il versamento di 2.500 euro in tre rate, a partire da oggi 30 novembre 2022, data di consegna del contratto con tutte le firme apposite.

Chi volesse dare una mano con la colletta, può donare Via bonifico bancario, IBAN intestato a Horse Angels: it37c0760113200001000505063, codice BIC/SWIFT BPPIITRRXXX, causale: donazione per Barbara Serra".

Ti potrebbe interessare...

Armi di distrazione di massa

La guerra è un affare, firmato Ue

''La Memoria Collettiva'' non si condanna

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos