Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Oggi, 12 febbraio, si ricorda la morte del giornalista Leo Veras ucciso nel 2020 a Pedro Juan Caballero in Paraguay e domani quella del collega Jean Paul Ibarra Ramirez ucciso nel 2009 a Iguala, Città del Messico situata nello Stato di Guerrero. Entrambi sono stati vittime del narcotraffico, il più ingente mercato mondiale comandato e gestito dalla mafia e vittime di quel sistema criminale integrato che si nutre della corruzione politica ed economica dilagante ormai nella maggior parte dei paesi sud americani. Ogni anno questo sistema assassino porta alla morte di decine e decine di giornalisti onesti che non vogliono piegarsi all’indifferenza. Solo nel 2020, cinquanta sono stati gli omicidi commessi in tutto il mondo, la maggior parte dei quali si sono consumati in Messico. Uno dei fattori principali di queste morti è l’inadempienza da parte delle istituzioni nel tutelare quella parte della cittadinanza che chiede giustizia, che chiede verità, non garantendo la libertà d'informazione e d’espressione. Troppi giornalisti, ogni giorno, pagano il prezzo della loro denuncia contro il potere economico, politico, informatico del loro Paese, estraneo agli interessi generali e al bene comune. L’esempio è Veras, Ibarra e tantissimi altri giornalisti e attivisti, tra cui anche molti giovani.
Non possiamo più permettere che tutte queste morti rimangano impunite e che non esistano più garanzie in grado di difendere i nostri diritti e le nostre libertà fondamentali di cittadini. E' nostro dovere uscire dal cancro dell'indifferenza e dell'omertà, radicata ormai da molto tempo in tutta la nostra società. E' nostro dovere quindi denunciare ed unirci per chiudere giustizia.

ARTICOLI CORRELATI

Brasile: ucciso giornalista di inchieste su traffico droga

Quell'informazione che fa paura al potere
Storia dei giornalisti uccisi dalla mafia. Oggi il bavaglio, ieri la morte ed il fango

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy