Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

10 febbraio 1986. Sono passati 35 anni da quella data. Una data storica: ebbe inizio il Maxiprocesso di Palermo contro Cosa nostra.
Un processo dai numeri incredibili, conclusosi il 30 gennaio 1992, giorno della sentenza finale della Corte di Cassazione.
475 imputati, 19 ergastoli e pene detentive per 2665 anni di reclusione.
Sono bastati solo 6 anni per concludere tutto l'iter processuale.
Le mafie da allora sono cambiate, tanto. Ma ancora oggi rimane la lezione del Maxi: solo sei anni per le condanne definitive.
Le mafie si mettono in ginocchio anche con pene certe e celeri. Oggi, come ha scritto un ottimo sbirro come Renato Scalia, per una condanna definitiva per usura di anni ne passano in media 10. Ed è inaccettabile perché nel frattempo le vittime vengono logorate e i carnefici danno la sensazione di impunità.
Tempi rapidi e certezza della pena.
Questa sarebbe la vera svolta nella Giustizia italiana.

Tratto da:
facebook.com/borrometi.paolo

Foto © Shobha

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy