Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Ho accolto l'appello dei familiari delle 140 vittime della strage del traghetto Moby prince sulle coste del porto di Livorno. Oggi, dopo quasi trent'anni di distanza, non si conoscono le cause e le responsabilita' di quella strage. E le Istituzioni hanno il dovere di non utilizzare piu' il termine "disastro" bensi' "Strage". Ieri ho depositato un disegno di legge per istituire una nuova Commissione bicamerale d'inchiesta sulla strage Moby prince al fine di poter far luce e consegnare ai familiari e agli italiani la verità". Lo ha detto il senatore, Michele Giarrusso, in una nota. "Il Disegno di Legge - ha aggiunto - prevede che la commissione si occupi di chiarire i motivi circa l'abdicazione da parte delle strutture militari nell'esercizio della funzione di soccorso (Capitaneria di Porto e Marina Militare), all'epoca attribuita dal D.I. 01/06/1978 al Ministero della Difesa, rispetto al dovere di tentare il soccorso alla vita delle centoquaranta persone a bordo della nave passeggeri, alcune delle quali erano ancora in vita a considerevole distanza di tempo dalla collisione e, dunque, potevano e dovevano essere salvate; di chiarire i motivi della condotta omissiva di parte della magistratura inquirente e giudicante sull'evento e la natura dell'influenza su essa esercitata dall'accordo raggiunto il 18 giugno 1991 tra Nav.ar.ma spa, Snam spa, Agip spa e i loro assicuratori; di accertare le reali motivazioni sottese alle conclusioni delle indagini e al successivo proscioglimento dell'armatore Vincenzo Onorato, verificando, altresi' gli eventuali episodi di manomissione commessi nell'immediatezza dei fatti e nei periodi successivi, ad opera di personale della Compagnia Nav.ar.ma., ovvero di ignoti; di chiarire le eventuali responsabilità relative a depistaggi od occultamenti di elementi utili allo svolgimento dell'accertamento dei fatti, e le circostanze della morte dei passeggeri, nonché i tempi di sopravvivenza minimi e massimi delle vittime del traghetto, della Moby Price in considerazione della documentazione medico - legale prodotta dai consulenti tecnici nelle attività della Commissione parlamentare d'inchiesta monocamerale del Senato della Repubblica operante nella precedente legislatura; quali eventi si verificarono a bordo della petroliera antecedentemente alla collisione, nonche' chiarire la provenienza e la tipologia di carico trasportato all'interno della petroliera Agip Abruzzo ed infine indagare su qualunque circostanza, fatto e avvenimento ritenuto rilevante ai fini di accertamento della verita' in ordine alle cause della strage del traghetto Moby prince", ha concluso.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Moby Prince, i familiari delle vittime chiedono un nuovo processo

Moby Prince, Procura di Livorno apre una nuova inchiesta

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy