Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il giornalista del Times of Malta rifiuta da due a quattro banconote da 500 euro

Un membro del team legale di Yorgen Fenech ha tentato di consegnare centinaia di euro a un giornalista del Times of Malta alla fine di un incontro a La Valletta lunedì. Il giornalista Ivan Martin ha rifiutato da due a quattro banconote da 500 euro quando gli sono state fisicamente consegnate dall’avvocato Gianluca Caruana Curran verso la fine di una riunione.
L’avvocato fa parte della squadra che difende l’imprenditore accusato di complicità nell’omicidio di Daphne Caruana Galizia nell’ottobre 2017.
Martin ha detto che al termine della riunione di 20 minuti a La Valletta, alla presenza anche dell’avvocato Charles Mercieca, Caruana Curran ha consegnato le banconote piegate da 500 euro. Caruana Curran ha ammesso che “è stata offerta una remunerazione”. Martin ha detto: “Non posso essere sicuro di quante banconote mi abbia consegnato perché non le ho aperte. Glieli ho restituiti e gli ho detto che non potevo accettare il pagamento. Li ho anche informati che vengo pagato solo dal Times of Malta e che non dovrebbe farlo di nuovo in futuro”.
Ha riferito che Caruana Curran gli ha detto che non intendeva mancare di rispetto e ha offerto i soldi solo perché non aveva mai avuto a che fare con un giornalista prima. “Mi ha detto che il tempo costa denaro. Ma non ho accettato i soldi e l’incontro si è concluso lì”, ha detto Martin, che ha immediatamente informato dell’incidente Diana Cacciottolo news editor del Times of Malta.
Contattato via telefono per una spiegazione dell’offerta in contanti, l’avvocato ha detto di essere in riunione e le chiamate di follow-up inizialmente non hanno avuto risposta. In una lunga dichiarazione di lunedì sera, Caruana Curran ha dichiarato: Ivan Martin ci ha fatto capire che potevamo usare i suoi servizi per aiutare a neutralizzare i pregiudizi nei servizi dei media. Ovviamente non siamo al corrente del suo contratto o delle sue condizioni di lavoro all’interno del Times of Malta. Fu solo dopo che gli fu offerto un compenso per i suoi servizi, che disse che era a tempo pieno con il Times of Malta”.
Martin lavora come giornalista a tempo pieno presso il Times of Malta dal 2013 ed è uno dei reporter di più alto profilo del paese. Il direttore del Times of Malta Herman Grech ha dichiarato: “Riteniamo che non sia etico e fondamentalmente sbagliato che un avvocato offra denaro ai giornalisti. Diventa molto grave quando gli avvocati si occupano di uno dei casi penali più delicati che questo paese abbia mai visto.
“L’integrità del nostro giornalismo è importante quanto quella di proteggere le nostre fonti. Lasceremo che i nostri lettori decidano se e come giudicare il nostro comportamento tenuto nel raccontare il caso Daphne Caruana Galizia”.

La risposta completa di Caruana Curran

1. È stato Ivan Martin che si è avvicinato alla squadra della difesa, apparentemente per aprire una linea di comunicazione con la difesa. Abbiamo accolto con favore questa opportunità, considerando che i media, in particolare il Times of Malta, sono stati costantemente prevenuti nella denuncia del caso.

[Martin dice di essere stato contattato per la prima volta da Charles Mercieca per incontrarsi per discutere il caso. Il team di difesa di Fenech non ha mai parlato con i redattori del Times of Malta delle loro preoccupazioni riguardo alle segnalazioni ingiuste]

2. Nel corso delle nostre varie conversazioni ha espresso l’opinione che il ToM fosse totalmente sotto il controllo della famiglia Caruana Galizia e che qualsiasi articolo che potesse anche lontanamente essere considerato a favore di Yorgen Fenech è stato immediatamente censurato, ritirato o sepolto.

[Martin nega questo. Né la famiglia Caruana Galizia né altre persone o organizzazioni definiscono la politica editoriale del Times of Malta.]

3. Ha detto che Jason Azzopardi lo ha costantemente tormentato fino a questa stessa mattina, il 2 novembre, interrogandolo sui movimenti o sui contatti con la difesa.

[Martin ha detto alla squadra di difesa di Fenech che credeva che le informazioni fossero trapelate dal loro ufficio, sulla base di una conversazione che aveva avuto con Azzopardi.]

4. Ivan Martin ha continuato a chiedere quello che sappiamo di alcune persone presumibilmente coinvolte nel caso. Presto divenne molto chiaro che ciò che voleva era spazzatura su Arthur Azzopardi, la famiglia Agius e l’ex commissario di polizia Lawrence Cutajar. Tuttavia, chiaramente non ha chiesto informazioni su persone di alto profilo che si dice siano coinvolte nel caso.

[Martin dice che il team di difesa di Fenech gli ha offerto informazioni su alcuni individui e che ha chiesto maggiori dettagli sulle loro affermazioni.]

5. Ivan Martin ha anche detto di avere fonti all’interno dei servizi segreti maltesi. A titolo di esempio, ha citato in particolare la telefonata fatta tra Edwin Brincat (il-Ġojja) e l’ex commissario Cutajar che è stata scoperta attraverso domande rivolte dalla difesa all’ispettore Arnaud. Ivan Martin ha aggiunto che secondo lui i servizi segreti maltesi non erano contenti dei progressi che stavamo facendo nel caso soprattutto dopo aver scoperto alcune prove che l’accusa voleva tenere nascoste.

[I giornalisti del Times of Malta non rivelano le loro fonti. Il team di difesa di Fenech fa ipotesi sulle fonti di Martin, sulla base di una discussione che hanno avviato su come i servizi segreti maltesi potrebbero reagire a un rapporto sulla chiamata tra Cutajar e Brincat.]

6. Il fatto che non ci fosse alcuna notizia da parte dei media su questo caso, è stato discusso come un altro esempio del pregiudizio nei rapporti dei media.

[Il Times of Malta basa i suoi rapporti sull’interesse pubblico. La squadra di difesa di Fenech non ha mai segnalato le proprie preoccupazioni al Times of Malta in precedenza.]

7. Sabato 31 ottobre Ivan Martin ha inviato una bozza non richiesta di un articolo in cui denunciava la corruzione dell’ex commissario Cutajar, il quale articolo era basato su prove presentate in tribunale ma ignorato dai giornalisti in quanto non rientrano nell’ordine del giorno.

[Il testo inviato al team di Fenech è stato inviato per confermare i dettagli delle informazioni che il team legale di Fenech aveva fornito durante un precedente incontro. Tutti gli articoli sono soggetti all’approvazione editoriale di alto livello prima della pubblicazione.]

8. Ci ha dato l’impressione di voler aiutare la causa del nostro cliente per un’equa copertura mediatica.

[I giornalisti di Times of Malta sono addestrati a cercare tutti i lati di una storia.]

9. Ivan Martin ci ha portato a capire che i resoconti e gli articoli oggettivi erano impossibili all’interno dei media. Ci ha fatto capire che potevamo usare i suoi servizi per aiutare a neutralizzare i pregiudizi nei rapporti sui media. Ovviamente non siamo a conoscenza del suo contratto o delle sue condizioni di lavoro all’interno del Times of Malta. Fu solo dopo che gli fu offerto un compenso per i suoi servizi, che disse che era a tempo pieno con il Times of Malta.

[Martin è giornalista a tempo pieno del Times of Malta dal 2013 e ha regolarmente riferito sul caso Daphne Caruana Galizia. Si descrive online come un “reporter del Times of Malta” e lo stesso team legale di Fenech ha collegato l’incontro con Martin al reportage del Times of Malta. Il Times of Malta non accetta pagamenti per le notizie e Martin ha agito correttamente informando immediatamente la sua news editor dell’offerta di contanti di Caruana Curran.]

10. Ci rendiamo ora conto che l’approccio di Ivan Martin è stato solo uno stratagemma a beneficio di chiunque tira i suoi fili; la persona o le persone che rischiano di essere smascherate nel corso della difesa di Yorgen Fenech.

[Questa è un’affermazione ridicola che non è confermata dal fatto che Caruana Curran ha riconosciuto: che a un giornalista del Times of Malta è stato offerto denaro, non richiesto, da un avvocato in un caso di omicidio di alto profilo. Martin si è messo a grande rischio personale riferendo gli sviluppi sull’omicidio di un giornalista e altre storie. Ha anche dimostrato la sua integrità attraverso la sua risposta all’offerta di denaro per la copertura.]

Fonte: Times of Malta 03/11/2020

Tratto da: liberainformazione.org

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy